Prenotato il 78% delle strutture ricettive in Costiera Amalfitana per il ponte dell’Immacolata. Sono i dati diffusi dall’Abbac, l’associazione della rete nazionale extralberghiera. A Positano occupazione che raggiunge il 91%. Napoli e Salerno sold out. Le parole di Agostino Ingenito.

Un ponte dell’Immacolata da tutto esaurito in gran parte delle località della Campania. In testa Napoli e Salerno, seguite dai capoluoghi di provincia Caserta, Benevento ed Avellino. Bene la Costiera Amalfitana e la Penisola Sorrentina che registrano buoni trend ma il riempimento si conferma last minute, con i turisti che cercano di cogliere le migliori offerte.

E’ puntuale l’analisi dell’osservatorio Abbac, che analizza andamenti di flussi e prenotazioni mediante verifica su portali e sondaggio tra operatori del territorio. “È un buon test  che segue la scia dell’andamento più che positivo di questo 2022 che si chiude con la piena ripresa del turismo, dopo le ripercussioni da pandemia e malgrado i venti di guerra e l’inflazione“, dichiara il presidente Abbac Agostino Ingenito.

Sono perlopiù italiani gli ospiti di questo lungo fine settimana. “Si tratta di un ottimo segnale per il periodo natalizio che ci consente di affermare di aver quasi sfiorato i dati del 2019. Un buon riscontro dunque ma che fa il paio con le difficoltà relative alla mobilità, alla difficoltà di avere servizi efficienti e la sicurezza soprattutto per le città di Napoli e Salerno, a rischio overtourism e per il quale è necessario un’azione sinergia delle istituzioni“.

Articolo successivo

Uomini e Donne, Gemma Galgani scopre Mario: imbarazzo per il cavaliere