Dopo Pompei sorprese anche a Boscoreale: rivenuti pane, uova ed un maiale

Oltre al sito archeologico di Pompei che ci regala nuove emozioni in termini di scavi quasi ogni giorno, dei nuovi ed importanti ritrovamenti di grande interesse sono stati rinvenuti nel sito di Boscoreale.

Ad essere stai ritrovati sono stati la carcassa di un maialino, il guscio di un uovo e del pane, tutti reperti perfettamente conservati. A darne la notizie è il direttore degli scavi di Pompei Massimo Osanna attraverso il suo profilo ufficiale Instagram.

Pompeii. Antiquarium di Boscoreale. Eggs imbedded in clay in order to conserve them. #pompeii #pompei #italy #ancient #archaeology #eggs #clay @pompeii_parco_archeologico

A Ravello il MusicArtFood: l’iniziativa di beneficenza di Confindustria Salerno e Anicav

Questa mattina, nella sede di Confindustria Salerno, ha avuto luogo la presentazione del MusicArtFood, l’iniziativa di beneficenza dei Giovani Imprenditori di Confindustria Salerno e...

Un post condiviso da Massimo Osanna (@massimo_osanna) in data:

I ritrovamenti fatti a Boscoreale confermano ancora una volta l’importante lavoro che si sta facendo nell’area di competenza del Parco Archeologico di Pompei. Tale impegno è stato testimoniato anche dalla recente prima uscita del neo ministro ai Beni culturali Alberto Bonisoli, che ha voluto essere proprio a Pompei per la sua prima visita esterna.

Il Direttore Generale del Parco archeologico di Pompei, Massimo  Osanna e il Direttore Generale del Grande Progetto Pompei, Generale Mauro Cipolletta hanno illustrato al neo ministro lo stato di avanzamento del cantiere e le recenti scoperte: gli affreschi dai vividi colori della domus dei Delfini, il vicolo dei Balconi, il giardino con i calchi delle radici degli alberi del 79 d.C. , ma anche gli oggetti della vita quotidiana di ambiente di soggiorno di pregio, i nuovi affreschi e le iscrizioni elettorali appena venuti alla luce.

«L’attenzione al patrimonio è una delle priorità di questa legislatura. Pompei è un luogo di eccellenza storica e archeologica, e anche di esemplari capacità di fruizione e valorizzazione che non sono meri strumenti di profitto, ma contribuiscono allo sviluppo dell’occupazione e alla rivalutazione delle numerose professionalità che il nostro Paese esprime» sono state le parole del Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Bonisoli alla prima uscita pubblica nel ruolo di rappresentante di Governo.