Pisa, mini regata equipaggi misti: Amalfi arriva seconda / Video

La Regata delle Antiche Repubbliche Marinare, torna a Pisa dopo l’appuntamento di Amalfi lo scorso giugno.

Oggi pomeriggio alle 16.30, in occasione dell’atteso evento di domani, la gara si è accesa con una sfida all’ultimo “remo” condotta dagli equipaggi misti delle Quattro Repubbliche Marinare.

Oggi, anche le donne, infatti, hanno potuto gareggiare alla pari battendosi in una sfida che ha visto vincitrice la città ospite: Pisa. A seguire, il galeone di Amalfi, poi Genova ed infine Venezia. 

La gara, su di una distanza di 1.000 metri, è partita dal Ponte della Cittadella per poi giungere allo Scalo dei Renaioli. Le corsie erano così suddivise: Genova corsia 1, Pisa in acqua 2, Venezia in 3 e Amalfi in corsia 4.

A difendere il cavallo alato in questa competizione, Gabriele Amato (nel ruolo di capovoga), insieme a Silvia Ingenito, Enzo Sotero, Stefano Cuomo, Raffaele Carrano, Giulia Landolfi, Lisa Marie Franzese e Lucia Carrano (il timoniere,  Giuseppe Ingenito, mentre le riserve Vincenzo Sotero e Andrea Carrano).

A partire dalle ore 18.30, seguiranno la commemorazione della prima Regata del ’56, la premiazione degli equipaggi misti vincitori e la presentazione degli equipaggi.

La gara di oggi, ha sicuramente infiammato gli animi dei numerosi tifosi amalfitani che attendono il Palio Remiero di domani.

PROGRAMMA

Il cartellone di domani prevede, innanzitutto, il corteo storico delle Antiche Repubbliche Marinare, a partire dalle ore 16, e, successivamente, la Regata, che partirà alle 17,30 dal Ponte dell’Aurelia con arrivo allo Scalo dei Renaioli.

L’equipaggio del “cavallo alato” sarà guidato dal timoniere Vincenzo di Palma e allenato da Antonio La Padula, e darà certamente battaglia per difendere i colori azzurri.

Il capovoga sarà Luigi Lucibello, mentre i vogatori presenti a Pisa saranno, nell’ordine, Luca ParlatoAniello SabbatinoGiovanni RuoccoAndrea MaestraleMario PaonessaAlberto Bellogrado e Luigi Proto (come riserve, invece, ci saranno Antonio Zaffiro e Gabriele Amato).