Perchè il 14 Febbraio a San Valentino si celebra la Festa degli innamorati

Oggi 14 febbraio di celebra San Valentino e da molti viene ricordata per essere il giorno dedicato alla Festa degli innamorati.

Se vi state chiedendo come mai è stata scelta questa data per celebrare la festa dedicata agli innamorati, di seguito proveremo a raccontarvi cosa narra la tradizione.

Perchè il 14 Febbraio a San Valentino si celebra la Festa degli innamorati 

La tradizione di San Valentino quale protettore degli innamorati risale all’epoca romana,  nel 496 d.C., quando l’allora papa Gelasio I volle porre fine ai lupercalia, gli antichi riti pagani dedicati al dio della fertilità Luperco.

Chi è Lorenzo Amoruso Temptation Island Vip: età e carriera fidanzato Manila

Lorenzo Amoruso è uno degli assoluti protagonisti di questa edizione di Temptation Island il programma di successo di Canale 5.Insieme alla fidanzata Manila Lazzaro ha voluto...

È considerato il patrono degli innamorati poiché la leggenda narra che egli fu il primo religioso che celebrò l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana.

Esistono però molti Santi di nome Valentino, e, a parte il fatto che tutti furono martiri, non si sa molto di loro. Due sono i più noti.

Il primo, nato a Interamna (oggi Terni) nel 176, proteggeva gli innamorati, li guidava verso il matrimonio e li incoraggiava a mettere al mondo dei figli.

Il secondo, invece sarebbe morto a Roma il 14 febbraio del 274, decapitato.

Per alcune fonti sarebbe lo stesso vescovo di Terni.

Per altri – tesi più plausibile – sarebbe un altro martire cristiano.

Per altri ancora, non sarebbe mai esistito.

Ad ogni modo, si racconta che Valentino sarebbe stato giustiziato perché aveva celebrato il matrimonio tra la cristiana Serapia e il legionario romano Sabino, che invece era pagano.

La cerimonia avvenne in fretta, perché la giovane era malata.

E i due sposi morirono, insieme, proprio mentre Valentino li benediceva.

A chiudere il cerchio della tragedia sarebbe poi intervenuto il martirio del celebrante.

Il giorno di San Valentino, festa degli innamorati, così come lo si conosce oggi, è molto diverso dalla ricorrenza voluta da Gelasio I, quando la giornata aveva semplicemente un orientamento religioso e di preghiera, di buon auspicio per una famiglia fertile e una progenie in salute.

Il versante più romantico e affettuoso sembra invece essere nato in tempi decisamente più recenti, ovvero nel 1400 inglese, quando venne ricordato il fidanzamento tra Riccardo II con Anna di Boemia. I

n alternativa, la ricorrenza viene associata al 14 febbraio 1400 in Francia, quando venne istituito l’”Alto Tribunale dell’Amore”, un’istituzione pensata per dirimere le controversie legate alle relazioni sentimentali, ai tradimenti, al rispetto della donna e molto altro.