Per l’Università di Washington in Campania ci saranno zero decessi Covid dal 21 aprile

Secondo uno studio statistico dell’Università di Washington, in America, a partire dal 21 aprile in Campania ci dovrebbero essere zero decessi a causa del Coronavirus Covid-19.

Nello specifico lo studio è stato effettuato dall’Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME),dell’Università di Washington a Seattle. Scopo dello studio era calcolare quando si avrà il picco di decessi in Italia e il risultato ha dato come data il 18 maggio.

Lo studio prende in considerazione le regioni italiane ma anche gli altri Paesi del mondo. Restando in Italia, i ricercatori rivelano che in Calabria si è raggiunto il picco dei decessi ieri, il 7 aprile, la Puglia lo raggiungerà il 16 Aprile mentre in Campania i decessi dovrebbero dimunire fino al 21 Aprile quando dovrebbero contare quota zero.

Costiera Amalfitana: arrestato il sindaco di Praiano Giovanni Di Martino

Una notizia che ha spiazzato l'intera Costiera Amalfitana, il sindaco di Praiano,  Giovanni Di Martino, è stato arrestato dai carabinieri perchè avrebbe intascato una tangente da...

In un altro grafico, invece, si prende in considerazione il numero di posti letto negli ospedali ed il numero di ventilatori polmonari.

In Campania oggi occorrerebbero, secondo i ricercatori dell’istituto statistico di Washington, 218 posti letto e 51 ventilatori; domani 186 posti letto e 46 ventilatori; dopodomani 158 e 41.

A metà Aprile il fabbisogno ospedaliero legato al Covid diminuirebbe drasticamente: 63 posti letto e 18 ventilatori; la curva discendente continuerebbe senza intoppi fino al 23 aprile con 7 posti letto e 2 ventilatori. Anche in questo caso c’è una data precisa per la fine dell’emergenza all’interno delle corsie: in Campania il 2 Maggio prossimo non ci sarà bisogno di alcun posto letto e nemmeno di un solo ventilatore legato alla cura del Coronavirus.

Ovviamente quelli stilati dall’Università americana sono solo dati che non hanno una certezza assoluta riguardo l’imprevedibilità del virus. Nonostante ciò ci auguriamo che le cose vadano proprio come il loro studio e si possa uscire il più presto possibile da questo incubo.