Patto di sviluppo Invitalia – Costa d’Amalfi: 30 milioni e 278 nuovi posti di lavoro

Invitalia, l’agenzia nazionale per lo sviluppo e l’impresa, ha approvato il contratto di sviluppo con “Rete di Sviluppo Turistico Costa d’Amalfi”, composta da 55 imprese che agiscono in sinergia per promuovere il marchio “Iamalficoast”, al fine di migliorare l’offerta turistica in Costiera Amalfitana.

Complessivamente saranno finanziati quasi 30 milioni di euro (29,4 per l’esattezza) di cui Invitalia ha concesso agevolazione per 16,4 milioni. Nello specifico 27,3 milioni finanzieranno 21 progetti di investimento per ampliare il portafoglio di prodotti e servizi, accrescere la competitività e destagionalizzare i flussi turistici.

I restanti 2,1 milioni saranno investiti in un progetto di innovazione dell’organizzazione per realizzare un percorso di fruizione multimediale, un sistema informatico unificato per la gestione delle strutture ricettive e un portale web per presentare un’unica offerta turistica sotto il brand “Iamalficoast”.

Maldestro in Tour: prima tappa a Sorrento del «Mia madre odia tutti gli uomini»

Partirà sabato 19 gennaio da Sorrento, per poi approdare il 29 gennaio al Teatro Sannazaro di Napoli, il tour di Maldestro per presentare il...

Il progetto nella sua totalità prevede la creazione di 278 nuovi posti di lavoro e valorizza vari segmenti del settore turistico, dalla ristorazione all’alberghiero, dal trasporto di passeggeri via mare agli affittacamere.

«Questo investimento conferma l’attenzione che rivolgiamo allo sviluppo intelligente dell’offerta turistica, cioè attuato in una logica di filiera e con una visione comune sugli obiettivi da raggiungere e sulle azioni da mettere in campo – ha affermato Domenico Arcuri, amministratore delegato di Invitalia-. Siamo sempre più convinti che investire sulla bellezza generi occupazione e benefici per il territorio».

L’amministratore delegato Invitalia

«Siamo orgogliosi di aver costruito questo piccolo miracolo, cioè di aver coinvolto nel progetto non solo un gruppo di aziende ma un intero distretto turistico – ha invece dichiarato Andrea Ferraioli, presidente della Rete di Sviluppo Turistico Costa d’Amalfi -. Averlo fatto puntando su temi come la sostenibilità ambientale e l’innovazione è particolarmente gratificante. Devo ringraziare coloro che ci hanno creduto e che nel tempo non hanno mai mollato. Da oggi parte una fase ancora più impegnativa e stimolante di realizzazione del progetto che porterà benefici a tutta la nostra destinazione».

Il progetto rientra nel quadro delle iniziative cofinanziate dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione Campania nell’ambito dell’Accordo di Programma Quadro sottoscritto il 22 giugno 2017.