Primi super golosi da leccarsi i baffi: pasta e patate con provolone del monaco

Questa ricetta golosissima è sempre un must nella tradizione culinaria salernitana e della Costiera, sia d’Estate che d’Inverno: la pasta e patate con provolone del monaco, servita tiepida, è davvero sostanziosa, ma è un primo piatto al quale non si può resistere.

L’ingrediente principale sono le patate, e, a dare un tocco in più c’è il famoso provolone del monaco.

Questo provolone prodotto sui monti Lattari raggiungeva il mercato di Napoli via mare, trasportato in barca dai contadini che per proteggersi dalla brezza indossavano dei grandi mantelli di juta che li facevano sembrare dei monaci, soprannome con cui erano apostrofati al mercato.

Chi è Filippo Magnini: età, fidanzata, curiosità, vita privata e carriera

Filippo Magnini è stato uno dei nuotatori più conosciuti e vincenti della storia del nuoto italiano. Chi è Filippo Magnini: età, fidanzata, curiosità, vita privata...

Di qui il nome: provolone del monaco.

Per sviluppare l’aroma leggermente piccante, dolce e grasso, deve stagionare almeno sei mesi in una grotta di tufo.

Ma veniamo alla ricetta della pasta e patate con provolone del monaco, tutta da leccarsi i baffi..

Ingredienti per 6 persone

200 g di pasta spezzata mista (ma anche cannolicchi vanno benissimo)

2 patate

120 g di provolone del monaco di media stagionatura (circa sei mesi)

1 cipolla

1 costa di sedano

60 g di olio extravergine di oliva doc

un rametto di rosmarino  e un pò di sale

Preparazione della pasta e patate con provolone del monaco

Sbucciate le patate e fatele a tocchetti piccoli.

In una pentola mettete a soffriggere la cipolla, tagliata a pezzi, l’aglio, il rosmarino in 4 cucchiai d’olio.

Una volta che gli odori sono rosolati levateli e buttateli e aggiungete le patate, irrorate con una tazza di acqua, regolate il sale e cuocete per circa 15 minuti.

Quando le patate saranno cotte, unite altra acqua: fate bollire e calcolate cinque minuti di cottura dal bollitore; versate la pasta e portatela a cottura avendo cura che la minestra risulti abbastanza densa.

Spegnete la fiamma quando la pasta è ancora al dente.

Aggiustate di sale, e trasferite la minestra in una pirofila per farla intiepidire (in estate naturalmente), avendo cura di aggiungere dell’acqua tiepida se dovesse essere troppo densa.

Tagliate 12 spicchi di provolone e grattugiate il resto; aggiungete alla minestra il provolone grattugiato, mescolate bene e servite decorando ogni porzione con due spicchietti di provolone e un ciuffetto di rosmarino.

Fatto? Avaete ottenuto un’esplosione di sapori, da accompagnare con un buon vino fresco.