Costa d’Amalfi: “Isola Felice”, rimessa in libertà un’altra persona. In otto ancora agli arresti

E’ stata rimessa in libertà questa mattina su disposizione del gip un’undicesima persona accusata dalla procura di Salerno di appartenere alla presunta rete di spaccio in Costa d’Amalfi. La revoca della misura cautelare è stata disposta dal gip Berni Canani dopo l’esame dell’istanza di scarcerazione presentata dall’avvocato Giuseppe Della Monica. Con la nuova revoca degli arresti domiciliari, salgono a undici le persone scarcerate dopo il blitz del 1 aprile scorso quando all’alba i carabinieri della compagnia di Amalfi notificarono 19 ordinanze di custodia cautelare quattro delle quali in carcere. Le prime revoche dei domiciliari furono emesse dal gip il 16 aprile scorso e interessarono tre provvedimenti cautelati, mentre altrettante furono notificate qualche giorno più tardi. Per uno degli arrestati fu commutata la carcerazione a Furni con l’obbligo di firma. Infine l’accoglimento di quattro istanze di Riesame venerdì scorso da parte del tribunale della Libertà e l’ultima revoca dei domiciliari notificata questa mattina hanno permesso a cinque persone di ritornare in libertà anche se tutti dovranno comunque subire un processo per i reati contestati. Restano recluse otto persone tre della quali ancora nel carcere di Fuorni. L’inchiesta Isola Felice, partita nel 2013, portò alla notifica, all’alba del 1° aprile scorso, di ben 19 ordinanze di custodia cautelare e all’iscrizione nel registro degli indagati di altre quindici persone ai quali venne notificato avviso di conclusione di indagini a firma del pm Colamonici. Per tutti restano le accuse contestate dalla Direzione Distrettuale Antimafia che aveva ravvisato la presunta appartenenza ad una rete di spaccio in Costa d’Amalfi.