Nuovo contratto Trenitalia-Campania: in arrivo 37 nuovi treni

Grande svolta per i trasporti in Campania. Ieri mattina a Palazzo Santa Lucia a Napoli é stato infatti presentato il nuovo contratto di servizio tra la Regione Campania e Trenitalia.

Si tratta di un accordo quindicennale che prevede investimenti per 681 milioni di euro e che riguarderá l’acquisto e la messa in servizio di 37 nuovi treni made in Italy, fra cui i nuovissimi Rock e i convogli di Media Capacità, eccellenze della flotta regionale di Trenitalia.

Il piano é stato presentato dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, dall’Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane Gianfranco Battisti, l’Amministratore Delegato di Trenitalia Orazio Iacono e il Presidente della IV Commissione Trasporti del Consiglio regionale Luca Cascone.

Tragedia a Santa Maria del Castello: giovane scout muore per un malore

Non ce l'ha fatta il giovanissimo boy scout soccorso ieri in elisoccorso sulla zona di Santa Maria del Castello, a Vico Equense, nei pressi...

Sulle 16 linee regionali, oltre ai 24 treni Jazz già in circolazione, arriveranno 25 nuovissimi Rock e 12 treni di Media Capacità. Il primo Rock arriverà già nel 2020, gli altri 24 entro il 2024, mentre i Media Capacità saranno gradualmente a disposizione dei pendolari entro il 2025.

I treni sono costruiti dalla giapponese Hitachi Rail, azienda con sedi italiane proprio in Campania, Calabria e Toscana.

Riciclabili al 97%, i nuovi Rock sono a due piani e possono raggiungere una velocità massima di 160 chilometri orari. Con 700 sedute e capaci di ospitare fino a 1400 persone, sono i mezzi di trasporto a minor impatto ambientale d’Italia. Presenti postazioni bici, spazi poggiabimbo nella toilette, predisposizioni per la rete wi-fi a bordo e un sistema di videocamere di sorveglianza a circuito chiuso.

“E’ una giornata molto importante per noi – ha dichiarato il Presidente De Luca – Ricordo la prima riunione con Trenitalia dopo l’insediamento: volevamo discutere di servizi e frequenze ma qualcuno con garbo ci fece notare che la Campania aveva un debito da saldare di 150 milioni di euro. L’abbiamo fatto, producendo uno sforzo enorme per il risanamento finanziario della Regione”.