Nuova ordinanza De Luca, divieto vendita alcolici e mascherine obbligatorie all’aperto. Tutte le regole

Il governatore della regione Campania Vincenzo De Luca ha firmato una nuova ordinanza contenente le regole anti covid.

Andiamo a scoprire cosa cambia e quali saranno le nuove regole da rispettare sul territorio regionale.

Divieto di vendita con asporto di alcolici

Tra le misure previste, figura il divieto dalle ore 22 alle 6 del mattino di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, da parte di qualsiasi esercizio commerciale e con distributori automatici ed è vietato anche il consumo delle stesse nelle aree pubbliche e aperte al pubblico, compresi gli spazi antistanti gli esercizi commerciali, le piazze, le ville e i parchi comunali. Vietata anche ai bar, baretti, vinerie, gelaterie, pasticcerie, chioschi ed esercizi di somministrazione ambulante nonché agli altri esercizi di ristorazione la vendita di alcolici, che resta consentita esclusivamente al banco o ai tavoli. Sono comunque vietati affollamenti o assembramenti per il consumo di qualsiasi genere alimentare in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Obbligo mascherine all’esterno

Tragedia a Positano, arrestato l’autista NCC: positivo alla cannabis

E' stato tratto in arresto il 28enne NCC alla guida del minivan contro il quale si è scontrata Fernanda Marino.L'uomo, originario di Pompei, non solo...

L’utilizzo delle mascherine resta pertanto obbligatorio, sul territorio regionale, in ogni luogo non isolato – ad esempio nei centri urbani, nelle piazze, sui lungomari nelle ore e situazioni di affollamento – nonché nelle file, code, mercati o fiere ed altri eventi, anche all’aperto e sui mezzi pubblici all’aperto, quali traghetti, battelli, navi.

Spettacoli e concerti

Lo svolgimento in Campania di spettacoli, concerti ed eventi aperti al pubblico è subordinato alla definizione e adozione, da parte delle competenti Autorità, delle misure e specifiche prescrizioni, da individualizzare sulla base delle concrete caratteristiche dei luoghi e dei singoli eventi, idonee a scongiurare assembramenti e altre situazioni di rischio sanitario anche nelle aree limitrofe al luogo di svolgimento e ad assicurare i relativi controlli.