Napoli, Vesuvio più sicuro: attivata ambulanza sul Gran Cono

Per tutta l’estate e fino a fine ottobre l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio garantisce i servizi di primo soccorso e assistenza medica ai visitatori del Cratere del vulcano.

Fino al 27 otobre sarà infatti attiva un’autoambulanza di soccorso che stazionerà sul Vesuvio ed interverrà per prestare soccorso in caso di necessità. L’autoambulanza andrà ad integrarsi con i servizi di protnto soccorso già attivi sul luogo. Lungo tutto il sentiero che conduce al Gran Cono, infatti, sono già attivi cinque defibrillatoriaffidati dall’Ente Parco alla Guide del Presidio Permanente Vulcano Vesuvio.

Il servizio di ambulanza presso il Cratere del Vesuvio è stato affidato all’Associazione Pubblica Assistenza Croce Azzurra Santa mentre tutti gli oneri del servizio sono a carico dell’Ente Parco Nazionale del Vesuvio.

Cava de’ Tirreni: divieto conferimento umido dal 21 al 24 agosto

Scatta a Cava de' Tirreni il divieto di conferimento dell'umido a causa di problemi tecnici legati all'impianto di stoccaggio.Con ordinanza sindacale infatti, il sindaco...

L’ambulanza di tipo A stazionerà nel Piazzale di Quota 1000 di Ercolano tutti i giorni rispettando gli orari stabiliti per le visite al Cratere. Il personale dell’ambulanza, interagirà con le Guide del Presidio Vulcano Vesuvio quando il servizio dovrà essere prestato sul Gran Cono.

I componenti dell’equipaggio dell’ambulanza svolgeranno interventi di primo soccorso e assistenza sanitaria sul posto e laddove necessario a giudizio del personale dell’ambulanza il trasporto dell’infortunato presso la struttura ospedaliera più vicina.

Il personale dell’ambulanza si coordinerà con il 118, con il Presidio delle Guide Vulcanologiche presente sul Gran Cono, qualora ne ravviserà la necessità, la sala operativa della Protezione Civile della Regione Campania nonché il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico per i casi più gravi che richiederanno anche l’intervento dell’elicottero con verricello per il soccorso agli infortunati.

L’ambulanza è dotata di un telefono cellulare a bordo il cui numero è stato comunicato, a cura dell’Ente Parco, alla centrale operativa 118 competente per territorio, per la supervisione sull’operatività dell’ambulanza e per i controlli di competenza sanitaria. Infine l’ambulanza è equipaggiata con tutte le attrezzature previste dalla normativa vigente ivi compreso un defibrillatore anche per l’uso pediatrico.