A Napoli l’evento «Ragù 7su7»: al via oggi la settimana del ragù napoletano

Dopo il successo della prima edizione, si rinnova l’appuntamento a Napoli con Ragù 7su7, l’iniziativa organizzata da MySocialRecipe insieme a LucianoPignataro wineblog.

L’evento è patrocinato dal  Comune di Napoli, Città Metropolitana e Associazione Italiana Sommelier, per celebrare il piatto più amato della tradizione gastronomica partenopea, che da sempre ha conquistato tutti i palati, quelli più raffinati ma anche quelli più semplici.

Da oggi al 10 febbraio numerosi ristoranti e trattorie tra le più conosciute inseriranno il Ragù nel proprio menù, nella versione classica con la pasta o le polpette, nella variante di famiglia con le tracchiole o anche in una moderna interpretazione che racconti le mille varianti che la fantasia del nostro popolo ha creato nel corso degli ultimi cento anni.

Atrani: riaperta la fontana in piazza Umberto I. Ultimi prelievi danno esito negativo

La fontana di Piazza Umberto I ad Atrani è stata riaperta nel tardi pomeriggio di ieri dopo che i prelievi dello scorso 12 agosto...

L’iniziativa ha come mediapartnership il Mattino ed è sostenuta dai prodotti simbolo del ragù:  la pasta del Pastificio Di Martino e il pomodoro San Marzano di Solania, accompagnati dall’azienda Santacosta con la linea Don Andrea della famiglia Pagano, da quattro generazioni vinificatori a San Marzano sul Sarno, Castaldi Group con Birra Antoniana.

“Narra la leggenda che il ragù sia un piatto prodigioso, capace della più difficile di tutte le magie: sciogliere il cuore di pietra di un arcigno signorotto napoletano.

Era il 1300 e, nell’ultimo disperato tentativo di suscitare l’amore del marito, una giovane donna, nella migliore tradizione della seduzione partenopea, gli preparò il piatto preferito: i maccheroni.

Qui entra in gioco addirittura la Divina Provvidenza, che giunse in soccorso dell’innamorata tingendo di rosso il piatto e suscitando tanta meraviglia e tanto godimento in suo marito, che finalmente il suo cuore si aprì alla moglie e al giovane figlio, Raù, il cui nome fu dato alla salsa del miracolo.

La morale della favola è: se amate ditelo con il ragù.”

E’ possibile consultare la lista dei ristoranti partecipanti cliccando qui