Napoli sede della “Mafia International”: polemiche sulla puntata di “Adrian”

A Napoli polemiche sul web ieri sera dopo la prima puntata di Adrian – la serie evento di Andriano Cekentano andata in onda ieri sera su Canale 5.

Durante il primo episodio della serie, ambientato in un 2068 dove vige la dittatura, si è vista anche la città di Napoli in una veste assolutamente negativa. Oltre all’inquinamento e ai numerosi grattacieli che hanno rovinato l’incantevole Golfo, a far particolarmente indignare i napoletani è stata la scritta “Mafia International” su di un grattacielo.

Proprietario del grattacielo incriminato è lo spietato “Dranghstein”, un nome che sembrerebbe a metà tra ‘ndrangheta e Frankestein, nel cartoon muove i fili della città dal grattacielo, feroce burattinaio che tesse le sue trame e avvelena l’ambiente.

Foto facebook Città del Sud

Lutto ad Amalfi: è morta Rosa Porpora. Due anni fa compì 100 anni

Lutto ad Amalfi per la scomparsa di Rosa Porpora, una delle nonnine centenarie della Costiera Amalfitana. L'anziana signora, che aveva 102 anni, si è...

Come riporta La Repubblicadi Napoli, su “Sputtanapoli”, pagina da 47mila follower, si legge: “Su Canale 5 è andato in onda “Adrian”, lo show di Adriano Celentano dove il noto cantante è raffigurato sottoforma di cartone animato. Uno show che ha però destato molte critiche per la complessità della storia e per un particolare davvero evitabile. Ad un certo punto viene mostrata la città di Napoli nel 2068 ed in bella vista vi è un grattacielo con un cartello inquietante: “Mafia International”. Una scelta davvero pessima, ancora una volta la città partenopea è vittima di luoghi comuni ed accostata a simboli negativi come la criminalità organizzata”.