Napoli: il genio di Caravaggio approda al museo di Capodimonte

Il genio di Caravaggio approda a Napoli al museo di Capodimonte. Dopo la mostra su Picasso ed il recupero del Bosco, il museo partenopeo ospiterà una mostra sul grande Michelangelo Merisi, in arte appunto Caravaggio.

La mostra aprirà i battenti ad aprile e durerà tre mesi. Come anticipa il direttore del museo Sylvain Bellenger a “Repubblica”, la mostra non servirà per fare visitatori, ma per studiare i 18 mesi di Caravaggio a Napoli e il suo effetto sulla scuola pittorica napoletana. Seguirà un percorso caravaggesco attraverso la città: i luoghi dove è vissuto e che ha frequentato, quello del suo studio, quello che l’ha accolto quando è arrivato come un rifugiato in un paese nuovo con leggi diverse.

«L’ultima mostra su Caravaggio a Napoli, continua il direttore del museo – è stata nel 2004 e in questi 15 anni ci sono state tante novità e anche la nostra visione di Caravaggio è cambiata: a quella incentrata sulle prostitute e i ragazzi di Roma ora si preferisce quella del dramma che segue l’episodio dell’assassinio in duello da parte del Merisi di Ranuccio Tomassoni».

Foto by Fanpage Museo di Capodimonte via Facebook

Edward Norton ad Amalfi: per l’attore sosta gastronomica a «Marina Grande»

Dopo Atrani, l'attore hollywoodiano Edward Norton ha fatto tappa anche ad Amalfi al ristorante Marina Grande di Enzo e Gianpaolo Esposito.Norton, famoso per aver...

Il 15 giugno si aprirà poi un’altra mostra al museo. Si tratta di “C’era una volta Napoli: storia di una grande bellezza” e celebrerà il legame tra arte e musica, con i personaggi dell’opera del secolo d’oro napoletano che lasceranno i libretti del San Carlo per ritrovare il loro nesso con l’arte.

«I visitatori saranno immersi nella musica con delle cuffie – sottolinea il direttore sempre a La Repubblica – e ad esempio ci saranno i personaggi dell’Idolo cinese di Paisiello con le chinoiseries della Real Fabbrica di Capodimonte conservate al museo».

Infine il museo di Capodimonte ospiterà altre due mostre: una su Luca Giordano e la seconda su Gemito mentre quella su Calatrava è spostata al 2020. Intanto continua la mostra sulle opere dai “Depositi di Capodimonte”, che prosegue fino al 15 maggio, aperta da dieci giorni ha già registrato più di 4000 visitatori.