Minori, Il Proscenio torna in scena con “Sabato, Domenica e Lunedì” / Date

Dopo un anno di stop causato dalla pandemia di Covid -19, la compagnia teatrale Il Proscenio di Minori è pronta a tornare in scena durante le festività di Natale.

“Il proscenio riapre il sipario! L’emozione di tornare in quello spazio magico e sotto quelle luci che rischiarano tanti volti e tante vite è grandissima. La forza della nostra passione può ritrovare il suo corso e arrivare , libera , a tutto il nostro affezionato pubblico. SIPARIO !” – si legge in un post pubblicato sulla pagina Facebook della compagnia di Minori.

Ad essere messa in scena al Palazzo delle Arti di Minori una delle commedie per eccellenza di Eduardo De Filippo: “Sabato, Domenica e Lunedì”. La commedia andrà in scena nei giorni 25, 26 e 27 dicembre e il 1°, il 7 e l’8 gennaio alle ore 20.00; nei giorni 2, 6 e 9 gennaio alle ore 18.30.

Anna Rita Vitolo reduce dal successo dell’amica geniale , di Parenti Serpenti con Lello Arena e di Vita da Carlo con Carlo Verdone vestirà i panni della protagonista in Sabato, Domenica e Lunedì.

La prenotazione dei biglietti è obbligatoria presso la Pro Loco Minori situata in via Roma o telefonando al numero 089877087.

Sabato, domenica e Lunedì

Sabato, domenica e lunedì è una commedia in tre atti scritta e interpretata da Eduardo De Filippo nel 1959, inserita dallo stesso autore nel gruppo di opere che ha chiamato Cantata dei giorni dispari.

Sembra un fine settimana come gli altri in casa Priore: nella giornata del sabato Rosa è tutta affaccendata nella preparazione del suo famoso ragù, ma nelle sue movenze s’indovina un certo nervosismo, accentuato da quello del marito Peppino che la rimprovera per ogni minima cosa e che se la prende con chiunque gli capiti a tiro: con il figlio che si confida con il nonno invece che seguire i suoi consigli, con la figlia Giulianella che litiga con il fidanzato, con la zia Memè che tormenta il figlio con inutili cure mediche…

Insomma il clima familiare si sta surriscaldando al punto che è inevitabile l’esplosione che avverrà il giorno dopo soprattutto nei confronti di un estraneo alla famiglia, il ragioniere Luigi Ianniello, loro vicino di casa, che con la moglie è stato invitato per il pranzo domenicale.

Il ragioniere, senza secondi fini ma proprio per il suo naturale carattere espansivo e amichevole, frequenta casa Priore con una certa invadenza ma mostrandosi sempre amico di Peppino e particolarmente affabile verso la padrona di casa. Ed è proprio il ragioniere la causa dell’improvvisa e imprevista scenata che mette in opera Peppino sconvolgendo e mandando all’aria il pranzo della domenica.

La moglie sconvolta dalla scenata di gelosia, che è rivolta soprattutto a lei e che è il risultato delle incomprensioni che si sono accumulate e che hanno minato il rapporto della coppia, viene colta da un leggero malore.

Assistita dalle cure premurose dei familiari passa il resto della domenica nella mestizia, mentre Peppino, sconsolato e addolorato per aver causato il malessere della moglie, si sente incompreso da tutti. Arriva finalmente il lunedì: la famiglia Priore con animo più tranquillo riflette su quanto è accaduto il giorno prima…