Minori, neonato salvato nella notte dagli Angeli della Croce Bianca

Bimbo di pochi mesi accusa difficoltà respiratorie. Salvato dagli Angeli della Croce Bianca. È accaduto nella notte a Minori. I massaggi cardiaci hanno permesso al piccolo di riprendere le normali funzionalità vitali.

La chiamata al pronto soccorso, l’ansia, le preghiere. Tutto in una notte. Week end di paura per una famiglia di Minori. La coppia con un figlio di poche settimane ha allertato nella notte il pronto soccorso. Il piccolo faticava a respirare. Intorno alle 2 parte la telefonata al 118. Da Ravello parte subito un’ambulanza della Croce Bianca. Il piccolo continua ad andare in apnea. La situazione è complessa e il medico Ciro Senatore con l’infermiere Riccardo Fratti decidono di portare il piccolo al plesso di Cava de’ Tirreni.

Alla guida dell’ambulanza c’è Andrea Villaricca, che racconterà – attraverso il lungo commento che segue – l’intera esperienza. I sanitari a bordo monitorano l’ossigenazione e il respiro. Sono stati i massaggi cardiaci a salvare la vita del piccolo, poi soccorso presso il nosocomio metelliano.

Ore 02.16 squilla il telefono, la centrale operativa del 118 ci allerta per apnea e dispnea in un neonato di 1 mese di vita a Minori. Voliamo per la strada in pochi minuti siamo lì, nel tragitto si avverte un silenzio fatto di paura e tensione. Arrivati sul posto capiamo, che, nonostante, il bambino sia da poco ritornato da un nosocomio la situazione non è tranquilla. Il medico dell’equipaggio dell’ ambulanza dopo aver visitato il neonato e ascoltato la descrizione degli eventi dai genitori si mette in contatto con la centrale del 118 e si fa autorizzare per un trasporto in emergenza all’ospedale di Cava dei tirreni al reparto di pediatria. Con andamento sostenuto mi rimetto alla guida dell’ambulanza, cercando di trasmettere le minori sollecitazioni alla mamma seduta dietro, nel vano sanitario, con il piccolo tra le braccia. Arrivati all’altezza di Capo d’ orso l’ infermiere che monitorava il neonato ci chiede di fermarci perché il piccolo è in arresto respiratorio, il medico seduto appena mi fermo insieme all’ infermiere eseguono una ventilazione polmonare al bimbo che dopo 3 minuti interminabili riprende a respirare. Nel frattempo le grida e le lacrime della mamma del piccolo straziano il cuore, fermo e pronto a ripartire al posto di guida attraverso la finestra intercomunicante con la zona sanitaria incontro lo sguardo della mamma piangente che chiama Dio e mi chiede aiuto . Osservo il medico e l’ infermiere che tentano il tutto per salvare il piccolo e mi sento impotente, temo il peggio, ma poi un loro sorriso mi fa capire che il piccolo ha reagito e respira. Si riparte in volata , non so dire la velocità a cui spingevo l’ambulanza ho ancora il rumore del motore allo stremo nelle orecchie, guidavo e pregavo, forse pregavo più forte di come guidavo. Arriviamo a Vietri, proprio mentre la strada si fa più dritta e scorrevole percepisco un movimento alle mie spalle, è di nuovo l’ infermiere che prende il piccolo tra le braccia e riparte con le manovre di respirazione, guardo la strada con un occhio e l’altro è puntato allo specchietto retrovisore per vedere cosa succede , capisco che la situazione è grave. L’ infermiere inizia un massaggio cardiopolmonare, mi fermo il medico lo affianca e collabora. Non mi volto riparto al massimo con le sirene spiegate, le preghiere si fanno più intense e supplichevoli, quei pochi km che ci dividono dall’ospedale sembrano infiniti, dietro avverto che si sta combattendo contro la morte, che sembra aver ormai vinto. Arrivo finalmente al pronto soccorso dell’ospedale di Cava dietro non si arrendono, si continua con il massaggio cardiaco , arriva il personale dell’ospedale ma il nostro infermiere non demordere continua il massaggio cardiaco. Il cuore del piccolo riparte d’ improvviso, sento aprire la porta, laterale, dell’ambulanza, mi volto e vedo l’infermiere dell’equipaggio di corsa. Reca tra le braccia il neonato. Corre all’interno del pronto soccorso dove già tutti erano pronti per continuare la rianimazione. Il bambino riprende colorito e respirazione”.