Mia e il Leone Bianco è ispirato a una storia realmente accaduta: ecco la verità

Mia e il leone bianco è una pellicola cinematografica francese che ha riscosso grandissimo successo nel 2019.

Il film, diretto da Gilles de Maistre, racconta la  storia di una bambina che si lega profondamente a un cucciolo di leone bianco. La sceneggiatura del film è stata scritta da Pure de Maistre, moglie del regista, dopo aver fatto un viaggio in Sudafrica.

La prima domanda che sorge spontanea è se il regista del film si sia ispirato a una storia vera: scopriamolo insieme.

Mia e il leone bianco: la trama del film

Come si evince dal titolo, la coppia protagonista del film formata da una bambina di nome Mia e da un cucciolo di leone bianco Si tratta di un esemplare molto raro che si trova prevalentemente in Sudafrica, dove si sono svolte le riprese del film nell’arco di tre anni.

Mia Owen è una bambina che vive in Sudafrica insieme ai suoi genitori che possiedono un allevamento di leoni. John, il padre di Mia, gestisce la sua attività accordandosi con i cacciatori, ma con il trascorrere del tempo ama sempre di più i suoi leoni.

Decide così di troncare ogni tipo di attività illegale. Mia, ovviamente, non ha mai saputo nulla di tutto in modo da imparare i veri valori della vita.

La piccola stabilisce un legame di amicizia con Charlie, un cucciolo di leone bianco e i due, con il passare degli anni, diventano inseparabili.

Mia e Charlie crescono, come del resto è inevitabile, e questo desta molte preoccupazioni nei genitori. Questi infatti, pur provando un grande amore nei confronti dei leoni, sanno quanto possano essere pericolosi e quanto sia difficile domare il loro istinto.

Per questo motivo John decide di vendere Charlie ma Mia, scoperta la cosa e il nome dell’acquirente, si opporrà con ogni forza alla decisione del padre.

Deciderà, pertanto, di fuggire con Charlie verso una riserva naturale attraverso un viaggio molto complicato.

Mia e il leone bianco: la storia vera

Il film Mia e il leone bianco non è ispirato a una storia vera ma quasi, nel senso che il rapporto tra la bambina e il leone è completamente reale.

Le riprese del film sono state visionate dallo zoologo Kevin Richardson nell’arco di tre anni per permettere la crescita della bambina e del leone.

Leggi anche: Incidente hot per Elisabetta Gregoraci: è accaduto in diretta

Secondo il noto esperto zoologo,  l’unico modo di lavorare era far crescere il cucciolo di leone insieme alla bambina. Questo avrebbe permesso di instaurare quel legame che ha regalato tante emozioni al pubblico.

Il regista ha voluto l’aiuto di Kevin Richardson che l’ha aiutato a selezionare Daniah De Villiers, l’interprete di Mia, tra moltissimi bambini.

Leggi anche: La vera storia di Charlie il leone di Mia e il Leone Bianco

Ci vollero diverse ore al giorno per permettere alla bimba di instaurare un rapporto di fiducia con il leone bianco.

Stessa cosa per Ryan MacLennan, che nel film ha interpretato Mick, il fratello di Mia. Langley Kirkwood e Melanie Laurent, invece, sono rispettivamente John e Alice, i genitori di Mia e  Mick.