Mela Annurca: Tutto sulla Coltivazione e Ricette per Esaltarla al Meglio

La mela annurca, o melannurca campana, è uno dei prodotti di cui si vantano coltivatori ed esperti di questa bellissima regione italiana.

Non solo questa varietà di mela ha un sapore gustoso e succulento, ma possiede svariate proprietà benefiche, soprattutto per quanto riguarda il colesterolo alto!

Oggi ti parleremo proprio di questo prodotto tipico del sud Italia, andando ad immergerci nelle svariate ricette che ormai da tantissimi anni esaltano i sapori della mela annurca!

Filippo Abbate di Minori in tv negli Usa nella trasmissione “Good Morning America”

Filippo Abate, giovane cittadino di Minori, ha preso parte ad una delle trasmissioni tv più seguite degli Stati Uniti d'America.Il giovane, infatti, in una delle...

Indice Articolo:

La Mela Annurca

Come abbiamo già accennato, la Mela Annurca è uno dei prodotti tipici della Campania, una bellissima regione del mezzogiorno italiano. Più precisamente questa tipologia di mela viene coltivata a Sant’Agata dei Goti e nelle colline che si trovano nei pressi di Benevento.

Si tratta di una mela dalle dimensioni ridotte, ma molto polposa e ricca di succo. Inoltre la Mela Annurca gode di svariate proprietà benefiche per il nostro organismo, ma parleremo di questo argomento in seguito.

Possiamo fare una distinzione tra due diverse tipologie di Mela Annurca:

  • La varietà Caporale: ha un sapore molto dolce e la si riconosce per il suo colore rosso con dei puntini bianchi
  • La varietà Sergente: ha un sapore più acido rispetto alla precedente e il colore è giallo, quasi verde

Questo famoso frutto dell’agricoltura campana viene coltivato da diversi millenni ma solo nel 2006 è entrata a far parte dei prodotti riconosciuti dal marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta)

In pratica, abbiamo a che fare con una delle varietà di mele più apprezzate dai consumatori e dagli amanti del frutto, a tal punto che alcuni la definiscono la Regina delle mele. 

Vediamo adesso come viene coltivata la mela annurca, ma ricorda che solo in Campania puoi godere del sapore unico di questo frutto in quanto, essendo un prodotto IGP, abbiamo a che fare con una tipologia di mela che deve la sua fama soprattutto alla regione in cui viene coltivata!

La coltivazione della mela annurca

La mela annurca viene coltivata in appositi Melai con un metodo particolare che ormai viene tramandato di generazione in generazione, da diversi millenni.

Il melaio consiste in piccole porzioni di terreno, che non superano la larghezza di un metro e mezzo, preparate appositamente per permettere al frutto di arrossare a terra. 

Questi frutti, infatti, una volta raccolti, vengono disposti in file più o meno regolari su un certo tipo di materiale (come la canapa o altri materiali vegetali) con la parte meno rossa al sole, e rigirati di tanto in tanto, così da maturare in modo del tutto naturale.

La caratteristica peculiare dei melai riguarda il fatto che, il materiale sul quale vengono posizionate le mele, è talmente soffice e drenante da non permettere all’acqua di creare dei ristagni che potrebbero nuocere al prodotto.

Inoltre, di solito, vengono allestite delle strutture che permettono al sole di penetrare e raggiungere la buccia delle mele in modo blando, senza che i raggi solari le irraggiano aggressivamente.

La tradizione campana prevede che la coltivazione e la maturazione dei frutti venga seguita dagli agricoltori in persona, che se ne prendono cura direttamente, senza l’ausilio di attrezzature industriali.

Sono proprio la cura e l’attenzione di cui godono le mele annurche a conferigli il tipico sapore gustoso e succulento che le ha rese famose nel resto del mondo.

Quali sono le proprietà della mela annurca?

Abbiamo già accennato al fatto che, non solo la mela annurca è un piacere per il nostro palato, ma offre svariate proprietà benefiche al nostro organismo.

Prima di tutto c’è da dire che si tratta di un frutto altamente nutritivo, infatti ha un alto contenuto di vitamine e minerali, tra cui:

  • Il ferro
  • Il potassio
  • Le vitamine C, B1, B2 e PP
  • Il Manganese
  • Il fosforo

Inoltre, la mela annurca è ricca di fibre a tal punto da facilitare le nostre funzioni intestinali e diuretiche, per questo viene spesso consigliata ad anziani e bambini.

Sono state fatte diverse ricerche per constatare le proprietà organolettiche delle mele annurche. Queste ricerche hanno dimostrato che il frutto ha la capacità di ridurre in modo notevole i danni a carico di sostanze ossidanti nei confronti delle cellule che si trovano sulle cellule epiteliali gastriche.

In tal modo questa varietà di mele riesce a prevenire eventuali danni al nostro apparato gastrointestinale, ma non è tutto! Le mele annurche aiutano a mantenere basso il livello del colesterolo, più che altro ne abbassano i valori.

Infatti, il frutto in questione, a differenza delle mele comuni, hanno alti livelli di polifenoli, molecole antiossidanti che, però, perdono il loro valore se la mela viene cotta, per questo se ne consiglia l’assunzione senza cuocerla.

L’ultima proprietà di cui parleremo (ma non ultima in ordine di importanza) riguarda la capacità delle sostanze nutritive della mela annurca di stimolare la ricrescita naturale dei nostri capelli. Per questo motivo il frutto gode anche la fama di essere un ottimo rimedio per la calvizie.

Quali sono le ricette che esaltano il sapore della mela annurca?

Andiamo a vedere adesso cosa consigliano gli esperti della cucina campana per quanto riguarda il consumo della mela annurca. Trattandosi di una varietà di mela piuttosto saporita e croccante, è perfetta per impreziosire i contorni della nostra tavola, ad esempio le insalate.

Tra le ricette campane più tradizionali in cui troviamo la famosa mela annurca troviamo soprattutto quelle citate in seguito:

  • Insalata con le mele annurche (perfetta per chi vuole approfittare dei benefici che si possono trarre dal frutto in quanto la mela viene aggiunta cruda, donando un senso di croccantezza al piatto a cui possono essere aggiunti tanti altri frutti e verdure di stagione, ad esempio i finocchi)
  • Succo fresco di mele annurche (è ottimo per favorire la digestione, soprattutto se viene assunto dopo i pasti)
  • Torta di mele annurche (basterà sostituire le mele comuni con le mele annurche per realizzare la tipica torta di mele che non manca mai nel ricettario di qualsiasi cucina)
  • Mela annurca al forno (particolarmente indicata per condizioni di febbre e altri tipi di stati infiammatori. Per impreziosire le tue mele al forno puoi scavarne l’interno prima di cuocerle e farcirle con degli amaretti secchi, della marmellata o qualche chicco di uva passa)

Queste sono solo alcune delle ricette che possiamo prendere in considerazione per gustare il sapore unico delle mele annurca e, allo stesso tempo, per godere dei numerosi effetti benefici del frutto. Come si dice: una mela al giorno toglie il medico di torno!