Manfredi con Ricotta e Ragù: ecco la Ricetta originale del Signor Primo Napoletano

Foto by cannavacciuolo_angelo

Ecco a voi un altro piatto dei giorni di festa dei napoletani, si tratta dei manfredi con ricotta e ragù.

La leggenda vuole che questa pasta, chiamata anche mafaldine, reginette oppure tripoline, fu offerta a Manfredi di Svevia, Re di Sicilia, verso il 1250.

Si narra che la popolazione per rendergli omaggio ed evitare razzie lo accolse offrendogli la pasta con la ricotta.

Nuovo Dpcm, restrizioni anche a Pasqua: ecco cosa si potrà fare e cosa no

Il governo è a lavoro per il nuovo Dpcm che entrerà in vigore a partire dal prossimo 6 marzo e che conterrà misure restrittive...

Infatti la ricetta originale napoletana non prevede pomodori, che all’epoca non esistevano, quindi solo ricotta di cui il Re era ghiotto, e nel tempo è stata elaborata come la conosciamo oggi con ragù di carne o di polpette o di salsicce oppure salsa semplice.

Insomma se non volete il ragù di carne, potete condirla anche solo con salsa e ricotta.

Vediamo però la ricetta fatta come si deve.

Manfredi con Ricotta: la ricetta napoletana di un eccellente primo piatto

Ingredienti

300 gr di ricotta, Sale e pepe q.b., 300 ml di vino rosso secco (tipo Gragnano), 3 kg di pomodori maturi passati o 2 Passati da 750 gr, 200 gr di doppio concentrato di pomodoro, 1 cipolla media affettata finemente, 150 ml di olio extravergine di oliva, 1 kg e mezzo di corazza, ½ kg di manfredi (pasta), Parmigiano grattugiato, Basilico.

Preparazione

Per il ragù, mettete nella pentola l’olio, la carne e la cipolla e a fuoco medio fate cuocere finché la cipolla sarà ben cotta e la carne rosolata, rigirando spesso per non farla attaccare.

Togliete la carne dalla pentola e mettete il concentrato, fatelo soffriggere con le cipolle rigirando continuamente.

Durante questa operazione non allontanatevi dalla pentola, e aggiungete un poco di vino di tanto in tanto (in tutto ne userete circa ½ bicchiere).

Quando il concentrato avrà preso un bel colore bruno, rimettete la carne nella pentola, innaffiatela con un altro ½ bicchiere di vino, fatelo sfumare.

Quindi aggiungete la passata di pomodoro e tanta acqua, sufficiente a coprire la carne, salate e pepate, non troppo perché si restringe e potrebbe diventare salato.

Abbassate la fiamma, portate a bollore in modo dolce.

Appena incomincia a bollire, mettete sotto la pentola uno spargifiamma, abbassate la fiamma a minimo e lasciate cuocere per 2-3 ore.

La salsa deve appena sobbollire, così che incominci ad evaporare il liquido in eccesso, non dimenticate che durante la cottura dovete rigirare di tanto in tanto.

La salsa dovrà diventare densa e corposa.

Adesso dovete aggiungere il restante vino.

A lavoro finito vi troverete un sugo denso e saporitissimo.

In una ciotola, mettete la ricotta con 1 mestolo di ragù e con la forchetta stemperate bene.

Mettete la pentola sul fuoco e cuocete i manfredi, appena cotti scolateli e conditeli con la ricotta.

Impiattate, spolverizzate di parmigiano e completate con il ragù aggiungendo infine qualche foglia di basilico spezzettata a mano.

Buon appetito con questi deliziosi manfredi con ricotta e ragù.