Maiori, Costieraarte lancia il progetto “Giardini in Arte” da maggio a settembre

Dal 15 maggio al 15 settembre le Sale dei Giardini ed i Giardini stessi di Palazzo Mezzacapo a Maiori faranno da scenario naturale a varie manifestazioni culturali, organizzate da Costieraarte con il patrocinio della Città di Maiori.

Si tratta del progetto “Giardini in Arte” che include mostre artistiche, presentazioni di libri, spettacoli teatrali etc.

“Il sistema dell’arte contemporanea è ha reagito molto bene al periodo di lockdown, mettendo in campo molte iniziative online per non fermare completamente l’attività che sta ripartendo a poco a poco. La Costa d’Amalfi è da sempre attrattore di grandi flussi turistici e ci piace ricordare e ritornare indietro nel tempo al periodo del Grand Tour, epoca in cui tutta la Regione Campania era frequentata da intellettuali, scrittori, poeti ed artisti di tutto il mondo” – queste le parole degli organizzatori.

Chiunque fosse interessato a partecipare esponendo le proprie idee può contattare la segreteria di COSTIERAARTE scrivendo a costieraarte@gmail.com.

COSTIERAARTE e la Costa d’Amalfi

Magicamente sospesa tra il cielo azzurro ed il mare che regala riflessi iridescenti, la Costiera Amalfitana sembra nata dalla tavolozza di un pittore che ha voluto utilizzare le sfumature di colore più calde e vive per creare un paesaggio che incantasse il visitatore al primo colpo, regalando emozioni uniche e panorami di tale suggestione da far dubitare, per un attimo, di essere reali.

Famosa in tutto il mondo per il suo immenso patrimonio naturalistico, storico e culturale, la costiera Amalfitana è inserita tra i siti della lista del patrimonio dell’umanità dell’Unesco dal 1997; un riconoscimento che, legato alla sua unicità la rende una delle mete più ambite al mondo.

Maiori collocata tra Salerno ed Amalfi è un po’ il crocevia della Costiera, uno dei più popolati borghi della Costiera Amalfitana, custode della spiaggia più estesa della zona..
Roberto Rossellini ha voluto questo borgo come scenario di molti dei suoi film, probabilmente incantato dalle sue spiagge e dai sentieri che si aprono al mare, dalle sue case arroccate tra il verde dei Monti Lattari colonizzati dai limoni.

Maiori ha avuto due momenti importanti nell’arte pittorica: il primo a cavallo tra il XVI e XVII secolo, il secondo tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo.
Il primo periodo, caratterizzato dall’arte sacra, Il secondo periodo iniziato nel secolo scorso, vide la nascita di una importante e rinomata scuola locale, detta dei Costaioli ( da cui riprende il nome il Laboratorio di CostieraArte). L’esperienza dei “Pittori di Maiori”, porta in Costiera illustri presenze di artisti europei. Ed è qui che vi invitiamo a ripartire con i vostri progetti artistici!