Minori, domani analisi delle macere: obiettivo prevenire dissesti

Mercoledì analisi delle macere a Minori: obiettivo prevenire dissesti. L’autorità di Bacino con le Università per monitorare la sicurezza a Minori. Più precisamente per quanto riguarda i muri di contenimento, le cosiddette macere. La mission è prevenire eventuali dissesti. Le operazioni al via da mercoledì 23 novembre.

L’Amministrazione di Minori, nell’ambito delle attività di tutela, difesa e valorizzazione del proprio patrimonio territoriale, ambientale, paesaggistico nonché culturale ha, in corso di attuazione – in cooperazione con l’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale -, un percorso di azioni comuni. Il lavoro è finalizzato alla mitigazione del rischio idrogeologico, per pervenire alla gestione dello stesso attraverso interventi strutturali e non strutturali. Parliamo di azioni strutturali e di monitoraggio dell’area.

macere

Le azioni, a carattere tecnico-scientifico e realizzate dall’Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale attraverso un Accordo di Collaborazione per attività di interesse comune, sottoscritto con il Comune di Minori, riguardano rilievi di campo, prove in sito e di laboratorio, valutazioni ed analisi degli scenari di rischio idrogeologico con definizione progettuale degli interventi di mitigazione.

Per lo sviluppo del programma di azioni, l’Autorità di Bacino Distrettuale si avvale anche della competenza della comunità scientifica. Sono infatti coinvolte, nelle operazioni, anche le Università di Napoli e Salerno.

Nell’ambito delle attività in corso di realizzazione, è necessario effettuare ulteriori sopralluoghi finalizzati alla caratterizzazione delle aree terrazzate e delle relative strutture di contenimento, costituite da muretti a secco, nonché di eventuali dissesti ad esse connessi. Sono analizzate, in particolare, le macere, quei muri di contenimento che negli anni hanno caratterizzato il paesaggio al pari dei terrazzamenti. I sopralluoghi alle aree terrazzate prenderanno il via mercoledì 23 novembre: i tecnici incaricati saranno provvisti e identificati con apposito badge dell’Autorità di Bacino Distrettuale.