Lunedì dell’Angelo: ecco cosa ricorda oggi la Chiesa Cattolica

Foto Santo del Giorno

Oggi la Chiesa Cattolica celebra il Lunedì dell’Angelo, comunemente chiamato “pasquetta” è il giorno immediatamente successivo alla Pasqua, diventato festività civile nel dopoguerra per prolungare le ferie pasquali.

E’ festivo, oltre che in Italia, in quasi tutta l’Europa e in diversi altri Paesi.

Lunedì dell’Angelo: ecco cosa ricorda oggi la Chiesa Cattolica

Il suo nome è rappresentativo del fatto che in questo giorno si ricorda un evento narrato nel Vangelo, l’incontro dell’angelo con le donne giunte al Sepolcro in cui era stato posto Gesù dopo la sua crocifissione, dove erano andate per imbalsamare il Suo corpo con degli oli aromatici.

Smart Coasting presenta il primo corso online: Storia Locale con Lucia Ferrara

Prende il via lunedì 2 maggio il corso di Storia Locale organizzato dalla guida turistica Lucia Ferrara in collaborazione con Smart Coasting. Saranno in totale...

Leggiamo in Marco 16, 1-3 “Passato il sabato, Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo e Salome comprarono oli aromatici per andare a ungerlo. Di buon mattino, il primo giorno della settimana, vennero al sepolcro al levare del sole. Dicevano tra loro: -Chi ci farà rotolare via la pietra dall’ingresso del sepolcro?-.”

Passione e della Crocifissione, videro il masso scostato e il sepolcro vuoto, e fecero il loro incontro sovrannaturale con l’angelo che annunciò la resurrezione del Cristo, sebbene Luca e Giovanni parlino di due angeli.

(Mc 16, 5-7) “Entrate nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d’una veste bianca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: Non abbiate paura! Voi cercate Gesù Nazareno, il crocifisso. È risorto, non è qui. Ecco il luogo dove l’avevano posto. Ma andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro: Egli vi precede in Galilea. Là lo vedrete, come vi ha detto”.

Questo evento è la prova di quanto la parola del Messia fosse veritiera, Egli era davvero il Figlio di Dio, risorto dalla morte per tornare al Padre dopo aver sacrificato la sua vita per i nostri peccati.

Su questo luogo di culto tanto significativo per i cristiani, a Gerusalemme, sorge oggi la Basilica del Santo Sepolcro.