Luci d’Artista: ecco spiegato il motivo del grande successo della manifestazione

foto Massimo Pica

Chi pensava che con l’arte non si mangia sarà costretto a ricredersi. Sì, perché la manifestazione Luci d’Artista, che continua ad essere ospitata dalla città di Salerno, sembra aver sortito effetti importantissimi, sia a livello economico che di immagine per la città campana.

A spiegarcelo è la professoressa Vittoria Marino, docente all’Università degli Studi di Salerno di marketing internazionale, che insieme alla collega Giada Mainolfi, impegnata invece all’Università degli Studi Internazionali di Roma, ha spiegato come in realtà le ripercussioni, sia a livello di soldi che di immagine per la città, sia stata molto importante.

A confermarlo lo studio, che ha previsto la somministrazione di questionari ai turisti che provenivano da fuori città e da fuori l’Italia.

Un evento che nessuno vuole perdersi

Elezioni comunali Telese Terme: Giovanni Caporaso eletto sindaco. I risultati

Sono entrate nel vivo le elezioni comunali 2020 e anche i residenti di Telese Terme sono stati chiamati alle urne per rinnovare il consiglio comunale della...

Una vera e propria mostra d’arte, realizzata però con le luci che hanno abbellito tutta la città. Un ottimo spunto di marketing, perché la manifestazione si è trasformata in evento e ha attirato un enorme numero di persone, che non volevano assolutamente perdersi quella che era una “celebrazione pubblica tematizzata, che aveva inoltre una durata limitata nel tempo e pertanto unica”.

A fare da cornice poi è la splendida città di Salerno, una delle città che hanno organizzato al meglio il Natale in città, anche se Luci d’Artista, come sottolineano gli organizzatori, continua ben oltre il Natale.

Continuano infatti ad arrivare in buon numero turisti che non vogliono perdersi per alcun motivo quello che è diventato ormai un evento fortemente associato all’identità della città.

Un ottimo successo, testimone del fatto che si può lavorare bene e che si può apprezzare l’arte più moderna anche al Sud, con la Campania che continua ad essere locomotiva di un rinascimento che sta passando anche per l’arte dei giorni nostri, senza più la pigrizia che portava in passato ad adagiarsi sul pur grandissimo passato.