Livio Cori è il misterioso Liberato? Sul web avanza questa ipotesi

«State certi che pure se fossi Liberato non ve lo direi». E’ questo quanto dichiarò a La Repubblica Livio Cori, il cantante napoletano apparso al fianco di Nino D’Angelo durante questo Festival di Sanremo appena trascorso.

La voce che Livio Cori sia Liberato circolava già da mesi ma si è fatta insistente dopo un’analisi spettrografica effettuata dal professor Ugo Césari, foniatra ed esperto di perizie foniche, che ha comparato la voce dell’anonimo cantautore napoletano a quella di altri sette artisti, tra cui appunto Cori.

L’idea, riportata da Fanpage, è venuta allo scrittore e giornalista Gianni Valentino, che ne ha parlato nel libro «Io non sono Liberato», pubblicato da Arcana.

Catena Fiorello: chi è, età, vita privata e marito della scrittrice sorella di Rosario...

E' una delle scrittrici più conosciute e amate del panorama italiano, parliamo di Catena Fiorello. Catena Fiorello: chi è, età, vita privata e marito della scrittrice...

«Abbiamo lavorato sulle formanti delle vocali, ovvero quei parametri che formano il suono della vocale. Abbiamo misurato anche altri parametri come la durata delle consonanti –  ha raccontato il professor Césari al termine dell’analisi, che ha messo a confronto un estratto del brano «Nove maggio» di Liberato e un campione di «Surdat» di Cori. Le formanti di Livio Cori sono assolutamente sovrapponibili a quelle di Liberato, quindi da un punto di vista dell’analisi spettrografica, Livio Cori è Liberato, assolutamente sì».

Dal canto suo Livio Cori ha dichiarato: «Non sono io Liberato. Lo apprezzo molto perché Napoli in questo momento ha bisogno di una luce che illumini il suo lato creativo. Entrambi usiamo una vena più melodica, possono esistere delle analogie, ma siamo diversi».