La spiaggia di Santa Teresa a Salerno tra passato e presente

foto Massimo Pica

La famosa Spiaggia di Santa Teresa a Salerno è quella che “chiude” la passeggiata che si fa di solito sul lungomare dell’omonima cittadina.

Per tantissimi anni, almeno a partire dalla creazione del viale alberato del Lungomare di Salerno, negli anni ’50, è stata punto d’incontro per i ragazzi del centro storico.

Infatti, sulla Spiaggia di Santa Teresa a Salerno, si organizzavano spesso partite di calcio, tornei locali tra i giovani appartenenti ai vari quartieri della città, e la gente la affollava, sedendosi sui gradoni per assistervi, specie durante la bella stagione.

Perchè Fabrizio De Andrè era soprannominato Faber. Ecco la verità

Fabrizio De Andrè è stato uno dei cantanti e musicisti più importanti, amati, conosciuti, apprezzati e seguiti della storia della musica italiana.Con le sue...

In seguito, dopo la metà degli anni 2000, c’è stato un periodo dove tale arenile è rimasto abbandonato a se stesso, sempre sporco, pieno di rifiuti, e non solo, addirittura si rilevava la presenza di numerosi topi, tanto è vero che non era più frequentata da turisti, nè dagli stessi salernitani.

Insomma, sembrava proprio che la Spiaggia di Santa Teresa fosse morta, in un certo senso.

Poi, finalmente, dopo più di 5 anni di abbandono, la giunta Napoli e precendentemente quella di De Luca, si sono impegnate per il restyling della spiaggia, di fatto trasformandola.

Infatti, la mattina del 12 Settembre 2015, alla presenza del Sindaco Napoli e del Presidente Regione Campania De Luca è stata inaugurata la nuova Spiaggia di Santa Teresa a Salerno.

Si è realizzato un piano in legno che collega il lungomare alla spiaggia, attorniato da decorazioni con fiori e piante e illuminato da un nuovo impianto di luci.

Questo intervento è stato solo uno dei primi facenti parti del progetto di riqualificazione di quella parte di litorale.

Un progetto più ampio che comprendeva Piazza della Libertà, il Crescent, la Stazione Marittima, il nuovo Teatro Diana.

La larghezza delle gradonate consente che queste possano servire oltre che da seduta anche da solarium. Il piano continuo di 1.600 mq è realizzato con doghe di teak di 6 cm. di spessore. La carpenteria metallica è in acciaio inox AISI 304/316. La struttura portante è in legno azobè ed è costituita da pilastri 20×20 cm, travi 20×20 e magatelli 60×40 mm. Tutto il legno è trattato con vernice ignifuga e antigraffitaggio. Le finiture, sotto-gradini e piastre a protezione delle palme, sono realizzate in acciaio COR-TEN. Le ringhiere sono realizzate in acciaio AISI 316 lucido.

A servizio della spiaggia, cestini porta rifiuti, docce, una fontana, contenitori carrellati per la raccolta differenziata ecc. Il sistema del verde è costituito da n. 18 Washingtonia sistemate a colonnato e da un sistema di fiori e piante ad est ed a ovest dell’impalcato.

“E’ uno splendido progetto – ha dichiarato il Sindaco Napoli – un perfetto dialogo tra l’artificio del legno e la natura della spiaggia. Il centro storico di Salerno riconquista il rapporto con il mare e lo con una straordinaria semplicità di linee progettuali.

Importo lavori a base di gara € 2.100.000.

L’intervento prevede, a completamento:
• Una rete WI-FI libera;
• Un totem multimediale;
• Un sistema di video sorveglianza;
• La fornitura di un impianto completo di beach-soccer e beach-volley con relativo impianto mobile di illuminazione per manifestazioni sportive in notturno.