La Pasqua alta favorisce la località costiere campane. Ecco i dati dell’Abbac

Per la Pasqua alta di quest’anno si prevede tutto esaurito per Napoli, Salerno, la Costa d’Amalfi, Penisola Sorrentina e per le isole del golfo così come interessanti saranno i dati che si registreranno per il Cilento e le aree interne.

A riferirlo è il Presidente Abbac e coordinatore nazionale extralberghiero Agostino Ingenito a seguito delle indagini effettuate dall’Osservatorio Turistico Abbac che sta monitorando in queste ore le prenotazioni del settore.

Per quest’anno si prevede una media di pernottamenti di 2,5 – 3 in alcune aree della Campania, e un ritorno di stranieri e italiani. Ampia la forbice dei prezzi per un pernottamento: a Napoli si spende in media sui 65 euro per una doppia e si arriva ai 130 euro a Capri in una soluzione di affitto appartamento.

La Campania si avvicina sempre di più alla zona rossa. Oggi la decisione del...

La situazione epidemiologica in Campania, purtroppo, negli ultimi giorni è peggiorata sensibilmente. Il numero dei positivi è cresciuto in maniera importante e già nella giornata...

Sorrento e Amalfi stabili con una media 70/120 euro. A Positano un pernotto può partite dagli 80 ai 150 euro per una doppia mentre più contenuta la spesa a Salerno e nell’area del litorale. Il Cilento fa il primo test dopo la lunga chiusura di case vacanze e strutture ricettive mentre cresce la soluzione economica nei comuni dell’hinterland napoletano e salernitano. L’Alto Casertano e l’Irpina potrebbe riservare buoni riscontri per la Pasqua anche per agriturismi e case rurali, previste prenotazioni anche in borghi e aree interne.

Continua dunque il successo, si legge in un comunicato ufficiale dell’Abbac, dell’ extralberghiero con prenotazioni last minute e a prezzi contenuti low cost , vista l’alta presenza sui portali online di strutture non sempre regolari, mentre si affacciano interessanti target con un rinnovato arrivo di americani che grazie ai nuovi voli diretti dall’Aeroporto di Capodichino per New York e le prossime linee per Dubai potrebbero determinare significativi flussi con maggiore livello di spesa turistica.

E’ la spesa turistica a fare la differenza e a rendere ancora più ampio il divario tra i diversi target lusso con quello low-cost come delle presenze sempre con alti numeri al Nord Italia rispetto al Sud. Pesano poi le scelte basate su offerte economiche di voli aerei e condizioni meteorologiche come pure le mutate condizioni socio politiche dei Paesi competitor.

«Il rinnovato interesse verso i Paesi nordAfricani e dell’Area mediterranea come le nuove tendenze per vacanze mare low-cost di Slovenia, Croazia, Montenegro e Albania metteranno ancora più in concorrenza il nostro sistema turistico per questo avvio della stagione- commenta il Presidente Abbac Agostino Ingenito –. Gli sforzi compiuti sulla mobilità sono interessanti anche se il rischio di scioperi, corse soppresse o esigenze sindacali come già capitato negli anni passati per le festività pasquali rischiano di trasformarsi in un cattivo biglietto da visita per i tanti viaggiatori che abituati ad una mobilità europea nelle città straniere, non comprendono spesso le inefficienze di un sistema infrastrutturale che è interessato da annose questioni ancora aperte come la difficile viabilità e le difficoltà per una mobilità e migliore e diffusa».

«Occorre lavorare per migliorare la qualità dell’accoglienza, l’organizzazione turistica non ancora allineata a standard minimi accettabili e la formazione degli addetti oltre a garantire una sostenibilità , combattendo abusivismo e irregolarità – conclude Ingenito – che nelle ultime settimane ha espresso necessità di maggiore legalità e sicurezza oltre che di un chiaro segnale di omogeneità anche in termini di imposte di soggiorno e tassazioni dei Comuni mentre si attende una risposta definitiva per l’organizzazione turistica regionale».