La Campania riapre le sue bellezze: orari e costi dei musei e siti archeologici

La Campania riapre all’arte. Con l’introduzione da parte del governo della “zona gialla”, che prevede per le regioni collocate in questa fascia la riapertura dei musei, anche la nostra regione riapre musei e siti archeologici.

Da disposizioni governative non sarà possibile accedere a musei, mostre e siti archeologici durante il fine settimana ma dal lunedì al venerdì.

Vediamo allora gli orari, i costi e le disposizioni dei siti archeologici e i musei che apriranno in Campania a partire da lunedì 18 gennaio:

SITO DI POMPEI E DEL MUSEO DI STABIA LIBERO D’ORSI

Timballo di Pasta: scopri la Ricetta Napoletana del Buonissimo Primo Piatto

La cucina napoletana vanta tra i suoi classici il timballo di pasta. Detto anche timballo di maccheroni, questo piatto è il cosiddetto piatto del "riciclo"...

Il sito archeologico di Pompei e il Museo Archeologico di Stabia Libero D’Orsi presso la Reggia di Quisisana riaprono al pubblico dopo la chiusura di questi mesi.

In ottemperanza alle indicazioni ministeriali e fino al ulteriore comunicazione i siti saranno aperti dal lunedì al venerdì nei consueti orari (Pompei 9,00 – 17,00 con ultimo ingresso 15,30; Museo Libero D’Orsi 9,00 -17,00 con ultimo ingresso ore 16,00).

In questa fase di graduale riapertura l’accesso e l’uscita per l’area archeologica di Pompei saranno possibili dal varco di Piazza Anfiteatro.

La visita si svilupperà lungo un percorso segnalato all’interno del sito e sull’app di supporto My Pompeii allo scopo di assicurare una visita in sicurezza del sito e nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie anti Covid.

Sarà possibile passeggiare all’interno dell’Anfiteatro, accedere alla Palestra grande e alla mostra “Venustas. Grazia e Bellezza a Pompei”. Si potranno visitare i Praedia di Giulia Felice e spostarsi su via dell’Abbondanza con accesso alle principali domus, ma anche attraversare la necropoli di Porta Nocera, l’Orto dei fuggiaschi, arrivare al quartiere dei teatri e al Foro triangolare. Da via dell’abbondanza, inoltre, si potrà raggiungere il Foro con tutti i suoi edifici pubblici e religiosi, visitare lo spazio esterno delle Terme Stabiane o risalire via Stabiana fino a via del Vesuvio dove ammirare la casa di Leda e il cigno.

Il biglietto di ingresso ai due siti è acquistabile esclusivamente on-line sul sito www.ticketone.it, unico rivenditore ufficiale autorizzato.

Tariffe:

Pompei intero: € 14.50 (+ € 1.50 su prevendita online) ridotto: € 2.00 (+ € 1.50 su prevendita online)
Quisisana € 6.00 (+ € 1.50 su prevendita online) ridotto: € 2.00 (+ € 1.50 su prevendita online

Gratuità e riduzioni come da normativa

Al momento dell’acquisto on-line il visitatore potrà scegliere la fascia oraria di ingresso, prevista ogni 15 minuti per un massimo di 500 persone ogni 15 minuti, fino alle ore 13,00. Dopo le ore 13,00 l’ingresso consentito è per un massimo 300 persone per turno.

Il biglietto dovrà essere mostrato all’ingresso, direttamente su smartphone/tablet (QRcode) o già stampato a casa su carta e poi conservato per registrarlo sul tornello in uscita. E’ tollerato un ritardo di 10 minuti massimo rispetto all’orario della fascia oraria indicata, tanto per i visitatori quanto per le guide. La prenotazione sarà possibile anche nella stessa giornata fino a esaurimento disponibilità

Per i possessori della card Pompei365, la validità dell’abbonamento sarà prorogata per il numero di giorni, corrispondenti a quelli di chiusura imposti dall’emergenza sanitaria.

E’ inoltre in corso la promozione al 50 % sull’acquisto dell’abbonamento fino al 28 febbraio. Solo per gli abbonamenti in proroga, l’acquisto in promozione entro il 28 febbraio, avrà validità annua dalla data del primo utilizzo. Il biglietto gratuito per l’accesso singolo, di volta in volta, dovrà essere richiesto sul sito www.ticketone.it

Presso l’ingresso di Piazza Anfiteatro, fino a nuova comunicazione, sarà possibile richiedere un servizio visite guidate, dalle ore 9,00 alle 13,00.

I gruppi potranno accedere secondo le seguenti indicazioni:

gruppi di visitatori autonomi, massimo 5 persone
gruppi accompagnati da guide turistiche, massimo 10 persone (max 25 persone se il gruppo è dotato di auricolari/whisper usa e getta).

SITO DI ERCOLANO

Ercolano è pronta a riaprire le porte al pubblico già da lunedì 18 gennaio. Anche a porte chiuse al Parco si è continuato a lavorare e ad organizzare, in modo da rendere facile lo switch dal digitale alla presenza e viceversa.

Il Parco Archeologico di Ercolano si prepara ad un 2021 ricco di progetti, di novità e di possibili scoperte e la partenza di importanti restauri per sei nuove domus la cui apertura è prevista entro il 2022.

A giorni e proprio nei luoghi dell’antica spiaggia si darà il via ad una nuova campagna di scavi a distanza di quarant’anni dai primi ritrovamenti. E poi spazio alle mostre come quella attesissima sui legni, la particolarità che rende Ercolano un’esperienza unica e assolutamente diversa dalla più grande Pompei e anche quella sul cibo.

L’ABBONAMENTO AL COSTO DI UN SINGOLO BIGLIETTO

Il biglietto va comprato online con il consiglio di scegliere l’abbonamento annuale “che ha lo stesso prezzo del biglietto singolo e che in cambio offre la possibilità di tornare quando si vuole ma anche di partecipare agli eventi”.

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI (MANN)

Dopo la lunga chiusura il Mann annuncia i nuovi orari di apertura: dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 19.30 tutte le collezioni stabili del Museo si disporranno per il piacere dei visitatori, in un ambiente di assoluta sicurezza.

Imperdibile, Lucy. Sogno di un’evoluzione di Tanino Liberatore, un momento di preistoria realizzato in collaborazione con Napoli Comicon. Nel Giardino delle Fontane del Museo si potrà ammirare Heroes of Change, l’allestimento promosso da Amnesty International Italia, sui temi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Resta la mostra Gli Etruschi e il Mann, con una collezione di più di seicento reperti, fiore all’occhiello del polo museale.

REGGIA DI CASERTA

La Reggia di Caserta, fatto salvo cambiamenti dell’ultima ora dovuti a problematiche emergenziali, tornerà ad accogliere il pubblico a partire dalla prossima settimana. Come disposto dal Ministero, i luoghi della cultura statali saranno aperti dal lunedì al venerdì negli orari ordinari, mentre resteranno chiusi sabato e domenica per restrizioni legate allo stato di emergenza.

Per la Reggia di Caserta nell’immediato si conferma, inoltre, la chiusura settimanale il martedì. In questa prima fase gli Appartamenti Reali, il Parco Reale e il Giardino Inglese si dischiuderanno soprattutto a favore del pubblico di prossimità.

L’istituto museale, che ha sempre considerato prioritaria la tutela della salute del personale e dei visitatori, ha predisposto una serie di misure volte a garantire un’esperienza di visita serena e in sicurezza.

MUSEO DI PIETRARSA

Anche il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa è pronto ad accogliere nuovamente i visitatori. Il biglietto avrà un costo ridotto, di soli 3 euro per tutti i visitatori, senza distinzioni di fasce d’età.

Al Museo di Pietrarsa sarà possibile ammirare la prima ferrovia d’Italia, la Napoli-Portici, la statua imponente di Ferdinando II di Borbone, gli ampi spazi aperti con una veduta spettacolare sul Golfo di Napoli.

MUSEO DI CAPODIMONTE

Il Museo di Capodimonte è pronto ad accogliere di nuovo i suoi visitatori, la riapertura è fissata per lunedì 18 gennaio 2021. L’iniziativa promossa dal Museo per incentivare le persone a tornare è  “In due al museo, ma paga uno solo”: per ogni biglietto acquistato, in omaggio un biglietto gratuito per l’accompagnatore.

La promozione sarà attiva per tutta la prima settimana di apertura, dal 18 gennaio al 22 gennaio 2021, senza giorni di chiusura settimanale.

In occasione della riapertura, sarà inaugurata anche la nuova mostra “L’Ottocento e la pittura di storia: Francesco Jacovacci” a cura di Maria Tamajo Contarini per il ciclo L’Opera si racconta.