L’uomo che vende le nespole fa il giro del web. Nella foto la semplicità e la dignità del Sud

Foto di Francesco Mangialavori

Ha conquistato tantissimi like e commenti in poco meno di 24h la foto che ritrae un uomo anziano in un paese del Sud Italia che vende le nespole in strada.

La foto è stata scattata a Civita, un paese della privincia di Cosenza, in Calabria, da Francesco Mangialavori, fotografo per passione di 38 anni. Civita è il classico paese del Sud dove il tempo sembra essersi fermato e le tradizioni e l’attaccamento alla terra sono ancora vivi.

L’uomo immortalato da Francesco Mangialavori è un uomo anziano, vestito in maniera elegante e accostato al muro mentre aspetta che i suoi concittadini comprino le sue nespole. Vincino alla cassa con le nespole una bilancia per pesarle.

Oroscopo Paolo Fox Oggi 13 Luglio: Previsioni segno per segno

Siamo giunti quasi a metà di questa giornata, per scoprire cosa ti riservano gli astri per oggi non resta che leggere l’Oroscopo Paolo Fox Oggi...

È una foto disarmante, che graffia l’anima. Esprime quella dignità (ormai sconosciuta ai più) tipica delle ultime generazioni di uomini e donne che conoscono solo il riposo delle feste comandate. E non solo narra una fierezza, offuscata solo da un apparente scoramento che trasmette tenerezza, ma testimonia lo spopolamento dei borghi del Sud dove c’è ancora chi lascia i campi per scendere in un paese che non c’è!

La dignità dell’uomo in giacca che ostenta orgogliosamente sul viso quelle rughe profonde, che sono i segni di frustate di vento, è un pezzo di storia che le giovani generazioni difficilmente riusciranno a comprendere. Distratte come sono da display luminosi in cui vivono le loro giornate in uno stato di completa alienazione.

Quest’uomo in giacca non usa telefoni né wi-fi. Non si arrabbia e si sfoga dietro una tastiera. E’ lì, in attesa che qualcuno compri le sue nespole. Con quella dignità che il tempo e le nuove mode, stanno cancellando.

«Stavo passeggiando per le vie di quel piccolo comune che portano al belvedere – ha raccontato Francesco Mangialavori a Il Corriere della Sera – quando mi sono imbattuto in questa scena che non poteva passare inosservata. Questo signore non urlava, non voleva attirare a tutti i costi l’attenzione su di sé. La gente si fermava a parlare con lui e capiva che essere lì era un modo per restare ancorato alla sua terra, per non dimenticare le tradizioni del suo passato. L’umiltà di quell’uomo è disarmante. E’ arrivato vestito elegante e ha appoggiato a terra le sue nespole, poi si è fatto da parte, guardava per terra. Ho scattato quella foto cercando di non disturbarlo, mi è venuto spontaneo».

«Non mi aspettavo che il mio scatto avesse questo successo – spiega Francesco. Mi piace però pensare che in quella foto la gente riconosca la semplicità e la dignità del Sud, quella di persone anziane che non rinunciano alla loro terra, e che ancora riescono a commuovere».