Ischia: volontari salvano cane in auto distrutta dalla frana

Da solo in auto da tre giorni abbaiando per attirare l’attenzione. E’ stato salvato questo pomeriggio dai soccorritori un cane ad Ischia, rimasto intrappolato nell’abitacolo dell’auto dei suoi padroni uccisi dalla frana.

L’animale, un cane bianco meticcio, era chiuso all’interno di una Toyota grigia riversa sul fianco e distrutta dalla frana ma senza aperture che avrebbero consentito al cane di scappare.

Per tre giorni il cane è rimasto prigioniero nell’abitacolo e solo oggi è stato salvato, non senza difficoltà, dai volontari della Protezione Civile. 

“Non è stato facile avvicinare il cane, particolarmente aggressivo perché rimasto chiuso in auto per tre giorni. Ma ci siamo riusciti” – ha riferito all’Adnkronos la dirigente della Protezione civile Campania, Claudia Campobasso. Quando è stato fatto uscire dall’abitacolo dell’auto il cane mordeva ed era aggressivo e non faceva avvicinare nessuno. “Era rimasto chiuso per 72 ore in macchina -dice ancora la dirigente – e forse gli mancava anche il suo padrone”.

“Siamo stati costretti a chiamare dei veterinari che lo hanno sedato – spiega Gianni Capuano, volontario della Protezione Civile -. Ad accorgersi del cane sono stati i vigili del fuoco che stavano eseguendo dei controlli nella zona travolta dal fiume di fango”. C’è già una persona che è disposta ad occuparsi del meticcio rimasto senza padrone.

Una piccola storia a lieto fine, quella di questo cagnolino salvato ad Ischia, un lieto fine che si inserisce in una pagina di dolore e tristezza per l’Italia intera.