Da Ischia la storia di Nicoletta, la cagnolina che veglia da anni la tomba del padrone

Foto da Facebook

Veglia la tomba del suo padrone al cimitero di Ischia da 10 anni Nicoletta, una cagnolina meticcia che ora di anni ne ha 12. A raccontare per primo la storia di Nicoletta, poi rimbalzata sul web, è stato “Il Golfo24” di Ischia e Procida.

La dolce ed affettuosa cagnolina ha deciso che la sua dimora sarebbe stata il cimitero di Panza, a Forio, da quel 29 gennaio 2009 quando il suo amato padrone morì. Da dieci anni Nicoletta si aggira nel cimitero accucciandosi poi per lunghe ore proprio davanti la tomba del suo indimenticato padrone.

Nicoletta è stata adottata dal custode del cimitero di Panza che in questi anni le ha dato da mangiare e le ha trovato riparo d’inverno. Insieme al custode Nicoletta è curata e coccolata anche dalla Lega del Cane e da tanti paesani.

Foto da Facebook

Carolyn Smith: chi è, età, marito, vita privata, carriera giurata Ballando con le stelle

Carolyn Smith è una delle ballerine e coreografe più conosciute e amate della televisione italiana. Oltre che per il suo talento, è riuscita a conquistare...

A scrivere della storia di Nicoletta è anche il consigliere dei Verdi alla Regione Campania Francesco Emilio Borrelli che ha usato la sua pagina Facebook per fare un appello. “Nonostante siano passati tanti anni, nel suo cuore sono ancora vividi i ricordi felici con il suo compagno di vita. Invitiamo i turisti e i residenti a prendersi cura di lei nella vecchiaia e di non lasciarla sola, così come lei non ha lasciato solo chi l’ha tanto amata”.

La storia di Nicoletta è l’ennesima dimostrazione di quanto è eterno il legame tra cane e padrone, un legame capace di sconfiggere anche la morte.

La storia di Nicoletta ci ricorda quella di Billy, a Vietri sul Mare, morto qualche mese fa dopo che per anni andava a visitare tutti i giorni la tomba del suo padrone. Ben più nota la storia di Hachiko, il cane di razza Akita, che per anni attese il padrone, morto improvvisamente, alla stazione dei treni, luogo che l’uomo frequentava tutti i giorni per recarsi al lavoro.