IoVadoalMuseo: domenica 25 agosto entrata gratuita al Mann di Napoli

Il Palazzo del Museo Archeologico Nazionale di Napoli - Foto by rodolphocr

Domenica 25 agosto sarà l’ultima domenica estiva in cui sarà possibile visitare gratuitamente il Mann, Museo Archeologico di Napoli.

Dopo le aperture delle domeniche 11 e 18 agosto, i turisti culturali potranno visitare il Mann totalmente gratis. L’apertura rientra infatti nell’ambito della campagna ministeriale #IoVadoAlMuseo, voluta dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e che è andata a sostituire la Domenica al Museo.

Il museo sarà visitabile dalle 9.00 alle 19.30. Ricordiamo ai nostri lettori che, durante questi giorni, non sarà possibile visitare la collezione sui tesori della Magna Grecia, inaugurata da poche settimane, che resterà chiusa per tutto il mese di agosto.

Frana Maiori: strada chiusa con transenne. Domani nuova ispezione / Foto

 La Statale 163 Amalfitana é chiusa al traffico a seguito di alcuni macigni che si sono staccati dal costone roccioso all'altezza del cimitero di...

IL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI

E’ uno storico ente museale, tra i più importanti della città partenopea e vanta il più ricco e pregevole patrimonio di opere d’arte e manufatti di interesse archeologico in Italia. L’edificio che attualmente ospita il museo è il palazzo degli Studi, costruito nel 1585 come “caserma di cavalleria”. Il palazzo rappresenta una certa rilevanza architettonica essendo infatti uno dei più imponenti palazzi monumentali di Napoli. Esso insiste sull’area di un’antica necropoli della greca Neapolis: la necropoli di Santa Teresa.

Il museo è formato da tre sezioni principali: la collezione Farnese (costituita da reperti provenienti da Roma e dintorni), le collezioni pompeiane (con reperti provenienti dall’area vesuviana, facenti parte soprattutto delle collezioni borboniche) e la collezione egizia che, per importanza, si colloca nel mondo al terzo posto dopo quelle del museo egizio del Cairo e del museo egizio di Torino. Sia questi tre settori che altri del museo sono costituiti da collezioni private acquisite o donate alla città nel corso della storia, come per esempio, oltre alle già citate collezioni Farnese e Borbone, la collezione Borgia, la Santangelo, la Stevens, la Spinelli ed altre.