“Io vado al museo”: Capodimonte da record. Staccati oltre 4mila biglietti

Foto by rossmart8

Numeri da record per il museo di Capodimonte durante la giornata di ieri in occasione dell’iniziativa “Io vado al museo” promossa dal dal ministro Alberto Bonisoli.

Il museo di Capodimonte, che ieri aveva ingresso gratuito, ha fatto registrare ben 4.023 visitatori. Un numero davvero importante che è destinato sicuramente a crescere a partirà da venerdì quando al museo aprirà la grande mostra mostra “Caravaggio Napoli” a cura di Cristina Terzaghi e Sylvain Bellenger.

Oltre Capodimonte, ha registrato un numero alto di visitatori anche il Mann che ospita la mostra su Canova voluta da Paolo Giulierini. Al Mann, a differenza di Capodimonte, si pagava regolarmente il biglietto a 15 euro, ridotto a 2 euro per chi ha tra i 18 e i 25 anni.

Luciano De Crescenzo: «La Costiera Amalfitana è uno dei posti più belli al mondo»

Il grande Luciano De Crescenzo è stato amico e amante della Costiera Amalfitana. Ambasciatore per Ravello capitale della cultura 2020, ha saputo cogliere e...

Grande successo dunque ieri per i musei napoletani che hanno attirato ancora una volta un pubblico sempre più attento e appassionato alla cultura. Ricordiamo che la prossima data per visitare gratuitamente Capodimonte è domenica 5 maggio mentre il Mann avrà l’ingresso gratis il 12, il 19 e il 26 maggio.

Dal 28 febbraio 2019, il Ministero per i beni e le attività culturali ha aumentato da 12 a 20 i giorni di ingresso gratuito nei musei e siti archeologici statali e lancia la campagna “Io Vado al Museo”.

Da ottobre a marzo, ogni prima domenica del mese si conferma l’ingresso gratuito nei luoghi della cultura del MiBAC mentre da aprile a settembre sono i singoli musei a decidere le date in cui fare entrare gratis i visitatori.

“Io vado al Museo”, voluto dal ministro Alberto Bonisoli che cancella l’obbligo della gratuità tutte le prime domeniche dell’anno e porta a 20 le giornate di ingresso libero, affidando ai direttori la scelta di otto date su 20.

Le altre dodici date sono uguali in tutta Italia e sono le sei prime domeniche da ottobre a marzo più una settimana ( in realtà sei giorni) di seguito che cambierà di anno in anno e che per il 2019 è stata fissata dal 5 al 10 marzo.