Guida Michelin: piovono stelle sulle Campania. Tutti i premiati

Una vera e propria pioggia di stelle è ricaduta sull’enogastronomia campana, la seconda regione d’Italia più premiata dalla Guida Michelin.

I prestigiosi riconoscimenti ridisegnano la geografia delle eccellenze culinarie nazionali, tra conferme e sorprese e la nostra regione si aggiudica il record annuale di ben 7 novità novità, classificandosi al secondo posto tra le regioni più premiate, con 48 ristoranti, (8 con due stelle e 40 con una), alle spalle della sola Lombardia, meglio di Piemonte e Veneto.

Per quanto riguarda le province Napoli si conferma al primo posto, seguita da Roma in seconda posizione, terza Bolzano davanti a Cuneo (con Milano che passa al quinto posto).
L’exploit più significativo arriva senz’altro da Paestum, dove il ristorante “Tre Olivi” compie il doppio salto: da nessuna a due stelle, caso più unico che raro. Una soddisfazione significativa per lo chef Giovanni Solofra.

Tra i ristoranti che hanno conquistato in Campania la prima stella c’è l ristorante “Aria” a Napoli di chef Paolo Barrale; del “Contaminazioni Restaurant” a Somma Vesuviana di chef Giuseppe Molaro, del “Li Galli” a Positano di chef Savio Perna, del “Laqua Countryside”, il ristorante di Antonino Cannavacciuolo a Vico Equense, con lo chef Nicola Somma; del “Rear Restaurant” a Nola dello chef Francesco Franzese.

Conferme per tutti gli altri, un mare magnum di qualità ed eccellenza che abbraccia – tra gli altri – i due stelle Michelin “L’Olivo” di Anacapri, “Taverna Estia” di Brusciano, “Danì Maison” di Ischia, “Quattro Passi” di Massa Lubrense e “Don Alfonso 1890” di Sant’Agata sui Due Golfi.

DUE STELLE MICHELIN IN CAMPANIA

Brusciano (NA) – Taverna Estia
Capri/ Anacapri (NA) – L’Olivo
Ischia / Ischia (NA) – Daní Maison
Massa Lubrense / Nerano (NA) – Quattro Passi
Paestum (SA) – Tre Olivi (nuova)
Sant’Agata sui Due Golfi (NA) – Don Alfonso 1890
Telese Terme (BN) – Krèsios (nuova)
Vico Equense / Marina Equa (NA) Torre del Saracino

UNA STELLA MICHELIN IN CAMPANIA

Amalfi (SA) – La Caravella dal 1959
Amalfi (SA) – Glicine
Bacoli (NA) – Caracol
Isola di Capri / Capri (NA) – Mammà
Isola di Capri / Capri (NA) – Le Monzù
Castellammare di Stabia (NA) – Piazzetta Milù
Conca dei Marini (SA) – Il Refettorio
Eboli (SA) – Il Papavero
Isola d’Ischia / Lacco Ameno (NA) – Indaco
Maiori (SA) – Il Faro di Capo d’Orso
Massa Lubrense / Nerano (NA) – Taverna del Capitano
Massa Lubrense / Termini (NA) – Relais Blu
Napoli (NA) – ARIA (nuova)
Napoli (NA) – Il Comandante
Napoli (NA) – George Restaurant
Napoli (NA) – Palazzo Petrucci
Napoli (NA) – Veritas
Nola (NA) – Rear Restaurant N
Nola (NA) – Re Santi e Leoni
Paestum (SA) – Osteria Arbustico
Paestum (SA) – Le Trabem
Pompei (NA) – President
Positano (SA) – Li Galli 
Positano (SA) – La Serra
Positano (SA) – Zass
Quarto (NA) – Sud
Ravello (SA) – Il Flauto di Pan
Ravello (SA) – Rossellinis
Salerno (SA) – Re Maurì
Sant’Agnello (NA) – Don Geppi
Somma Vesuviana (NA) – Contaminazioni Restaurant (nuova)
Sorrento (NA) – Il Buco
Sorrento (NA) – Lorelei
Sorrento (NA) – Terrazza Bosquet
Telese Terme (BN) – La Locanda del Borgo
Torre del Greco (NA) – Josè Restaurant – Tenuta Villa Guerra
Vallesaccarda (AV) – Oasis – Sapori Antichi
Vico Equense (NA) – Antica Osteria Nonna Rosa
Vico Equense / sulla SS 145 Sorrentina (NA) – Maxi
Vico Equense / Ticciano (NA) – Cannavacciuolo Countryside (nuova)