Google Maps e Pac-Man: anche in Costiera si evitano i fantasmini

Divertente novità di Google in occasione del primo aprile. Come ogni anno, in occasione del “pesce d’aprile”, “Google Maps” si aggiorna per sole 24 ore con delle funzioni.  Quest’anno, attivando la App è possibile giocare a Pac – Man tra le strade della costiera. Vestendo i panni della Signora Pac-Man possiamo addentrarci tra le strade di Amalfi, Ravello e Positano mangiando le famose pillole gialle ed evitando di scontrarci con i fantasmini che ci faranno perdere una vita.

Si può giocare al famoso videogioco degli anni ’80 dal cellulare cliccando sul pallino rosa dentro al quale è disegnata la Signora Pac-Man, mentre dal computer trovate un quadratino in basso a destra con scritto “Inserisci gettone”.  Non è però possibile giocare su qualunque strada di qualunque città: cliccando sulle icone si viene infatti reindirizzati a una delle mappe predisposte, nel caso in cui non sia disponibile per la zona selezionata. E tra le mappe disponibili c‘è proprio la nostra Divina.

Per sfuggire ai vari fantasmini il più a lungo possibile avremo a disposizione cinque vite. La versione del gioco è strutturata su più livelli e potremo anche decidere di giocare sulla mappa della nostra casa o del nostro ufficio. Oppure sulla mappa di una città dove abbiamo vissuto o che ci piacerebbe visitare a breve.

Chi è Mia Ceran la conduttrice di Quelli che il lunedì: età, marito e...

Mia Ceran è una famosa conduttrice e giornalista sportiva, dopo diverse conduzioni, ad oggi è al timone del programma: Quelli che il lunedi in...

Quella di quest’anno non è però una novità: la versione Pac-Man con Google Maps era stata proposta già nel 2015 con il suo consueto personaggio maschile.Nel 2016 invece avevano avuto qualche problema con Gmail, avendo creato una risposta automatica con la GIF di un Minion che getta a terra un microfono e significa una cosa del tipo “ho chiuso, me ne vado”. La GIF era pensata per quelle conversazioni fastidiose ed estenuanti che non finiscono mai, e inviandola si veniva automaticamente esclusi da tutte le nuove mail di risposta. L’opzione di risposta era stata rimossa e quelli di Google si erano scusati, dicendo che per quell’anno il pesce d’aprile se lo erano fatti da soli.