Giorno della Memoria: oggi si ricorda l’Olocausto degli ebrei

Oggi 27 gennaio ricorre il Giorno della Memoria e come ogni anno in questa giornata si ricorda una delle pagine più brutte della storia dell’umanità, l’olocausto degli ebrei.

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite del 1º novembre 2005, durante la 42ª riunione plenaria stabilì che la ricorrenze sarebbe caduta proprio per il giorno 27 gennaio.

La risoluzione fu preceduta da una sessione speciale tenuta il 24 gennaio 2005 durante la quale l’Assemblea generale delle Nazioni Unite celebrò il sessantesimo anniversario della liberazione dei campi di concentramento nazisti e la fine dell’Olocausto.

Vaccini, arriva l’ufficialità del Ministero della Salute: Astrazeneca solo agli over60

Astrazeneca sarà somministrato solo agli under60. La decisione è stata ressa nota durante la conferenza stampa delle 16.30 del Ministero della Salute. Oltre al ministro...

Si è stabilito di celebrare la Giorno della Memoria ogni 27 gennaio perché in quel giorno del 1945 le truppe dell’Armata Rossa, impegnate nella offensiva Vistola-Oder in direzione della Germania, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz.

Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche della 60ª Armata del “1º Fronte ucraino” del maresciallo Ivan Konev arrivarono per prime presso la città polacca di Oświęcim, scoprendo il vicino campo di concentramento di Auschwitz e liberandone i superstiti.

La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondol’orrore del genocidio nazifascista.

Ad Auschwitz, circa 10 giorni prima, i nazisti si erano rovinosamente ritirati portando con loro, in una marcia della morte, tutti i prigionieri sani, molti dei quali morirono durante la marcia stessa.

L’apertura dei cancelli di Auschwitz mostrò al mondo intero non solo molti testimoni della tragedia, ma anche gli strumenti di tortura e di annientamento utilizzati in quel lager nazista.