Gambero Rosso premia La Rada a Positano. E suo il miglior menù di pesce

Quasi 2500 indirizzi, 300 dei quali nuovi, sparsi sull’intera penisola. Il tutto in 704 pagine in cui si racconta il moto perpetuo della cucina italiana. Si tratta della guida dei Ristoranti d’Italia del Gambero Rosso che anche stavolta premia la qualità e l’estro della Campania. Anche il Gambero, che ha preferito mantenere i punteggi a differenza dei colleghi de l’Espresso che hanno invece introdotto il simbolo del cappello da cucina, premia l’Osteria Francescana di Modena e alle sue spalle, rispettivamente al terzo e quarto posto ci sono due intramontabili eccellenze campane: Don Alfonso 1890 a Sant’Agata sui Due Golfi con un punteggio di 94/100 e La Torre del Saracino di Gennaro Esposito a Vico Equense con 93. Con 91 centesimi Taverna Estia a Brusciano in provincia di Napoli e con 90 il ristorante Quattro Passi a Massa Lubrense.

I tre gamberi invece sono andati a un ristorante salernitano, l’Angiolina di Pisciotta, nel Cilento, mentre nella sezione “Miglior rapporto qualità – prezzo” figurano Il Papavero di Eboli e il Foro dei Baroni a Puglianello in provincia di Benevento. Approda in Costiera Amalfitana il premio «I 10 migliori menu di pesce dell’anno» che è stato conferito a la Rada Restaurant di Positano, lo spettacolare locale di Peppe Russo, al di sopra del Music on the Rocks, dove si mangia sospesi tra cielo e mare.

La guida del Gambero Rosso, a differenza di quella dei bar (in Costiera sono stati attribuiti i 3 Chicchi e le 3 Tazzine alla nuova pasticceria di Salvatore De Riso inaugurata a giugno a Minori) e dei vini (due tre bicchieri ai vini di Ettore Sammarco e Marisa Cuomo) così come è accaduto per le pizzerie (originari del comune montano sono invece due pizzerie che hanno conseguito i tre spicchi: La Piccola Piedigrotta di Giovanni Mandara a Reggio Emilia per la sezione pizza italiana e Montegrigna by Tric Trac di Bruno De Rosa a Legnano, in provincia di Milano,premiata per la miglior pizza napoletana) ha tenuto fuori buona parte delle eccellenze della ristorazione in Costiera Amalfitana dalle posizioni alte classifica e dalle selezioni tematiche in una delle quali figura la Rada di Positano a cui vanno le congratulazioni per il riconoscimento conquistato.