Napoli, gabbiano porta via cagnolino/ L’appello: “A guinzaglio taglie piccole”

Cucciolo di pinscher tedesco portato via da un gabbiano in zona Belvedere a Napoli. L’episodio, avvenuto alcune settimane fa, è tornato materia d’opinione grazie al racconto di Carlo Restaino, consigliere della terza Municipalità Stella-San Carlo all’Arena di Napoli. Alla base del fenomeno i rifiuti – con cassonetti che traboccano e una città ostaggio dell’inquinamento – che facilitano il transito dei volatili.

Non è un caso isolato ma il primo di ormai una serie sempre più preoccupante. Una turista straniera, mentre portava a passeggio il suo cagnolino nel parco, ha assistito al rapimento del proprio amico a quattro zampe, quando un gabbiano in picchiata lo ha afferrato al volo portandolo via sotto lo sguardo terrorizzato della proprietaria.

L’episodio è stato raccontato da Carlo Restaino, consigliere di Europa Verde della III Municipalità Stella-San Carlo all’Arena, sulle colonne di Fanpage: “Ha portato il cucciolo al parco per una passeggiata e l’ha slegato, non sapendo che è possibile farlo solo nelle aree dove è consentito lo sgambettamento. Quando un gabbiano si è avventato sull’animale e l’ha portato via tra lo sgomento generale delle persone che si trovavano nel parco. Del cagnolino, purtroppo, si sono perse le tracce”.

Il Consigliere ha infine rivolto un appello alla popolazione, in particolar modo ai possessori di cani e gatti: “Proteggere i propri cani tenendoli con il guinzaglio, soprattutto se sono di piccola taglia o sono cuccioli. Nel parco è possibile lasciare gli amici a quattro zampe liberi all’interno delle aree destinate allo sgambettamento. Ma anche in quel caso bisogna essere molto prudenti. Spero che tutti gli amanti degli animali possano essere attenti, per evitare altre spiacevoli storie”.