Furti a Cava de’ Tirreni: il Caso Sbarca in Parlamento

La vicenda dei furti a Cava de’ Tirreni è arrivata ad assumere una portata addirittura nazionale.

I cittadini sono davvero esasperati, nonostante tutti gli sforzi che il Sindaco e l’Amministrazione Comunale stiano facendo per tentare di risollevare la situazione.

Si è parlato tantissimo delle ronde, soprattutto di quelle che sono sfociate in aggressioni a persone innocenti.

Centro di Storia e Cultura Amalfitana: gli appuntamenti di novembre

Il Centro di Storia e Cultura Amalfitana ha diffuso le prossime manifestazioni promosse nell'ambito dell'VIII edizione della Rassegna Approdi Mediterranei della Cultura Europea e...

Così, c’è chi si è preso la briga di sottoporre la questione in parlamento.

Cava de’ Tirreni, Spirale di Furti: il Caso Arriva Addirittura in Parlamento

A portare la grave situazione di Cava de’ Tirreni all’attenzione del Parlamento Italiano è stato Antonio Iannone, Senatore di Fratelli d’Italia.

Come riferisce ilgiornale.it, Iannone ha posto al governo una precisa interrogazione per ricevere risposte sulle iniziative che si vorranno mettere in campo per la sicurezza dei cittadini.

Il parlamentare ha sottolineato l’urgenza di trovare dei provvedimenti efficaci, visto che le istituzioni cittadine non riescono ancora a farlo, e lo hanno anche dichiarato pubblicamente.

In effetti, lo stesso Sindaco Servalli, giorni fa si è sfogato sui social, dicendosi anche pronto a dare le dimissioni.

Nel testo dell’interrogazione, il Senatore Iannone di Fratelli d’Italia ha chiesto poi espressamente se (citazione testuale) “il Governo è a conoscenza di questa grave situazione e se è intenzione del Ministro competente dedicare un’attenzione particolare alla città di Cava de’ Tirreni un tempo rinomata realtà per la qualità sociale della sua Comunità e per il suo commercio d’eccellenza e se il Ministro ritiene che vadano aumentati uomini e dotazioni delle Forze dell’Ordine per meglio controllare il territorio”.

Si spera che questa interrogazione posta in Parlamento riceva la giusta attenzione.

Intanto il Sindaco Servalli, dopo lo sfogo sui social, continua nel suo impegno per arginare i furti.

Infatti ha promosso un coordinamento tra Polizia Municipale e Forze di Polizia (Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza).

Le Forze di Polizia hanno inserito nei propri programmi di servizio la Polizia Municipale.

Così i turni dei vigili sono stati prolungati il venerdì e del sabato fino alle ore 24.00. 

Ancora, il primo cittadino di Cava de’ Tirreni ha chiesto al Prefetto, Dott. Francesco Russo, un ulteriore sforzo di uomini e mezzi.

A proposito egli ha dichiarato:

“Stiamo mettendo in campo tutte le energie disponibili per questo obiettivo e sono fiducioso che riusciremo nell’intento”.