Furore: masso sull’amalfitana nei pressi della Praia. Chiusa la statale 163

Ancora massi in caduta libera sulla statale amalfitana. L’ennesimo episodio si è verificato intorno alle 13 nei pressi della Praia, in territorio di Furore.

E cioè prima della galleria che dà sullo svincolo per la spiaggia che, ricordiamo, è a mezzadria tra Furore e Praiano.

Il masso, non di grandi dimensioni, si sarebbe staccato dalla parete rocciosa sovrastante la galleria finendo poi per adagiarsi, dopo essere rotolato, lungo la cunetta accanto al parapetto.

Chi è Imma Battaglia: la moglie di Eva Grimaldi. Età, lavoro e vita privata

Si è fatta conoscere dal grande pubblico per essere diventata la moglie di Eva Grimaldi parliamo di Imma Battaglia.E' molto apprezzata per la sua simpatia...

Sul posto, poco più tardi, sono giunti i cantonieri dell’Anas e i Vigili del Fuoco del distaccamento di Maiori che avrebbero consigliato la chiusura dell’arteria.

Stando a quanto si apprende per oggi pomeriggio a Furore sarebbe stato convocato un tavolo tecnico a cui dovrebbe partecipare anche una ditta di rocciatori a cui affidare l’incarico di monitorare la roccia e eventualmente procedere alla bonifica.

Intanto l’Anas starebbe aspettando le prescrizioni dei vigili del fuoco per procedere eventualmente alla chiusura dell’arteria.

AGGIORNAMENTO: L’Anas con una nota inviata alle 14.58, ha comunicato la chiusura dell’arteria. «A causa del distaccamento di un masso dal costone roccioso  si legge – nei pressi del km 22,300 della strada statale 163 ‘Amalfitana’, è provvisoriamente chiuso in entrambe le direzioni il tratto in località Furore in provincia di Salerno».

«Sul posto – prosegue la nota dell’Anas – sono presenti le squadre e i tecnici Anas e le Forze dell’Ordine per le prime verifiche tecniche nella zona, per la gestione della viabilità in piena sicurezza ed indirizzare gli automobilisti sui percorsi alternativi».

«Nel pomeriggio si terrà un sopralluogo sul posto con i tecnici del comune di Furore e di Anas e il Genio Civile di Salerno – conclude il comunicato – per valutare e programmare con urgenza gli interventi di messa in sicurezza del costone e il ripristino della viabilità».