Furore: Andrea Ferraioli è il nuovo presidente del Consorzio Vini Salerno

Andrea Ferraioli, owner insieme con la moglie, della pluridecorata casa vinicola Marisa Cuomo di Furore è il nuovo presidente del Consorzio Vini Salerno.

E’ stato eletto questa mattina dall’assemblea dei dei circa 100 soci che aderiscono al Consorzio Vita Salernum Vites.

Due sono i vice presidente del sodalizio: Mario Mazzitelli, per area dei Picentini, e Gigi Maffini per il Cilento.

Luigi Mastroianni Uomini e Donne: età, vita privata e curiosità sul tronista

Luigi Mastroianni è il tronista di questa nuova stagione di Uomini e Donne. Dopo aver corteggiato Sara Affi Fella, che nel mentre continuava la sua relazione...

Il nuovo consiglio d’amministrazione è inoltre formato da Luigi Scorziello, che ha passato il testimone proprio a Ferraioli, Marco Serra, Ciro Macellaro, Mario Notaroberto, Paola de Concilis, Mila Vuolo, Gaetano Bove e Luigi Reale.

La Costa d’Amalfi nel nuovo organigramma esprime una folta rappresentanza di produttori. Ben tre compreso il presidente. Infatti, del cda, fanno parte oltre a Ferraioli, Gaetano Bove della Tenuta San Francesco di Tramonti, Luigi Reale dell’omonima azienda vinicola sempre di Tramonti.

Il Consorzio fa parte degli organismi nazionali di tutela e valorizzazione vitivinicola. Oggi annovera ben 82 soci certificatori suddivisi nelle tre categorie professionali: viticoltori, vinificatori, imbottigliatori della filiera produttiva dei vini di tutte le DO e IG ricadenti nell’intera provincia salernitana.

La provincia di Salerno è una zona viticola ricca di sfaccettature che per le peculiarità del territorio presenta vigneti che sono l’espressione della cultura contadina tipica dei diversi comprensori.

Si va dalle vigne della “Viticoltura Eroica” della Costiera Amalfitana, passando per il parco regionale dei monti Picentini fino ad arrivare alle variegate ed a volte aspre colline del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, in una terra ricca di storia e di Miti. La superficie totale provinciale a coltura specializzata copre poco più di tremila ettari.