Golosità senza fine: la ricetta perfetta delle frittelle di fiori di zucca

Foto Delitary Gastronomia Piadineria - Facebook

Le frittelle di fiori di zucca, anche conosciute come frittelle di ciurilli o sciurilli, sono una ricetta tipica della cucina campana e calabrese.

Gli ingredienti principali per la ricetta sono farina bianca tipo 00, acqua, lievito e fiori di zucca, oltre all’olio per friggere.

La ricetta è facilissima e gustosa per chi ama i fritti e gli sfizi.

Federico Rubini Uomini e Donne: ecco chi è il corteggiatore di Teresa Langella

Sarà uno dei protagonisti della puntata di oggi, 18 ottobre, di Uomini e Donne. Parliamo di Federico Rubini uno dei corteggiatori di Teresa Langella. Stando alle anticipazioni sarebbe messa in discussione...

Le frittelle di fiori di zucca possono essere un gradevole antipasto, un contorno o un semplice piatto in più, molto gradito, per un buffet delle feste.

I fiori di zucca, i “ciurilli” in napoletano, si trovano facilmente in commercio nel periodo primaverile e vengono utilizzati anche per preparare ottime minestre con patate novelle e zucchine anch’esse novelle.

Ingredienti

30 fiori di zucca

150 gr di farina

1 cubetto di lievito

sale q.b.

1 bicchiere di birra o acqua

olio per friggere q.b.

Preparazione

Dopo aver pulito i fiori di zucchina togliendo la parte sporgente dello stelo e il gambo, lavateli accuratamente sotto l’acqua corrente.

Metteteli in una ciotola e aggiungete il sale.

Lasciateli da parte qualche minuto in modo che si insaporiscano e buttino l’acqua

Preparate una pastella con la farina, il lievito, un pizzico di sale e se volete aggiungete la birra che sostituisce l’acqua.

A questo punto prendiamo i fiori di zucchine, li strizziamo bene per eliminare l’acqua in eccesso, li tagliamo con un coltello e li incorporiamo alla pastella.

In una ampia padella fate riscaldare l’olio versate le frittelle a cucchiaiate distanti qualche centimetro uno dall’altra.

Scolatele quando saranno belle dorate.

Asciugatele sulla carta assorbente da cucina e servite in tavola caldissime.

In alternativa ecco una buona variante: Mescolate nell’impasto anche 4 o 5 cucchiai di pomodoro fresco tritato e precedentemente marinato con basilico, un po’ di aglio tritato e origano.

Attenzione: in questo caso bisogna usare più farina oppure meno acqua, altrimenti l’impasto verrebbe troppo liquido. Regolarsi come conviene.

Usare un misto di olio di semi 90%, olio di oliva extra vergine 7% e olio di noci 3%, per assicurarsi una maggiore stabilità dell’olio, qualora la temperatura dell’olio dovesse alzarsi troppo e allo stesso tempo per dare un po’ di gusto in più.