I sapori della terra salernitana: frittelle di bianchetti

Le frittelle di bianchetti (o pesce ghiaccio) sono degli sfiziosi finger food da preparare soprattutto quando arriva la bella stagione.

Un piatto della tradizione salernitana, ma anche campana in genere.

Le frittelle di bianchetti sono un antipasto semplice e sfizioso, ideale da realizzare per le cene a base di pesce.

Vieni da me 15 Ottobre: Aida Yespica e Alda D’Eusanio ospiti di Caterina Balivo

Torna puntuale anche oggi alle 14 l’appuntamento con Vieni da me il programma condotto da Caterina Balivo. Come sempre la bella conduttrice napoletana terrà compagnia a milioni...

Queste semplici frittelle possono essere servite anche come stuzzichino per accompagnare un aperitivo.

Nella cucina napoletana i bianchetti prendono il nome di cicenielli o cecenielli e vengono utilizzati in primi piatti, frittate, frittelle e anche come condimento per la pizza.

I bianchetti, per il loro aspetto, sono detti anche pesce ghiaccio, e le frittelle possono essere preparate con differenti ricette, presentandosi piatte o gonfie, semplici o ricche.

Ma andiamo alla preparazione di questo squisito piatto.

Gli ingredienti utilizzati per 5/ 6 persone ( vengono fuori circa 25 frittelle) sono:

500 gr di Bianchetti, 2 uova, 5 cucchiai di farina, pecorino, aglio, prezzemolo , basilico,100 ml di latte, olio per friggere, sale e pepe.

Vediamo la preparazione.

Prima di iniziare lavate bene i Bianchetti e metteteli sgocciolare.

In una ciotola battete le uova con l’acqua frizzante, poi unite la farina, aggiungete sale, basilico , prezzemolo a pezzetti, aglio e se volte un poco di latte, e mescolate fino ad ottenere una pastella.

Amalgamate bene gli ingredienti in modo da ottenere una pastella cremosa e omogenea e aggiungete i bianchetti lavati e puliti in precedenza.

Mescolate per far amalgamare bene il tutto, ed eliminate lo spicchio di aglio.

Versate l’impasto a cucchiaiate in una padellina con olio bollente e friggete distanziando tra loro le frittelle.

Friggete le frittelle da entrambe i lati fino a renderle dorate.

Una volta cotte mettete le frittelle su un piatto foderato di carta assorbente in modo da assorbire tutto l’olio in eccesso.

Potete servire le frittelle sia calde che tiepide, sia in estate che in inverno, come antipasto di pesce o come un secondo.