Frana Ravello: “Noi cittadini abbandonati, siamo isolati da oltre due settimane”

«Siamo isolati da più di due settimane e se avessimo bisogno dei mezzi di soccorso saremmo spacciati». Timore e paura sono i sentimenti che in questi giorni stanno attraversando l’animo degli abitanti di Via Casa Rossa a Ravello, luogo dal quale lo scorso 10 febbraio si è staccata un’enorme frana che ha distrutto parte della strada interpoderale che collegava questa zona della Città della Musica con il centro, costringendo il sindaco Salvatore Di Martino alla completa chiusura del transito sia pedonale che veicolare.

Purtroppo per i 7 abitanti che vivono qui, fino a qualche settimana fa il numero superava la doppia cifra ma alcune famiglie hanno deciso, avendone la possibilità, di spostarsi al centro di Ravello, era questa l’unica via percorribile per raggiungere negozi e servizi anche di prima necessità.

Pantaleone Carotenuto, giovane che vive in questa zona insieme nonna Maria, si è fatto carico con grande generosità delle necessità primarie non solo della sua ma anche di alcune delle famiglie che abitano in questa parte della Costiera Amalfitana rimasta isolata dal mondo ormai da 16 giorni a causa dello smottamento: «Io vivo con mia nonna che ha 82 anni, vicino a noi ci sono anche altre persone anziane e nel caso in cui ci dovessimo avere la necessità di ricevere soccorsi, facendo tutti gli scongiuri del caso, sarebbe un grosso problema. Al momento è quasi impossibile arrivare dall’altra parte della frana e l’unica alternativa è un percorso fatto di 543 scalini che porta fino alla strada a poche centinaia di metri dal centro di Ravello».

Costiera Amalfitana, inviavano sms per svuotare i conti. Denunciate tre persone

Il periodo pandemico attuale ha portato ad un aumento dell’uso degli strumenti informatici per contrattazioni e acquisto di beni e servizi. Parimenti sono seguiti ovviamente i tentativi, purtroppo a volte...

Per questi cittadini è diventata un’impresa ardua anche svolgere le più semplici operazioni della vita quotidiana: «Per fare la spesa sono costretto a fare le scale e a caricarmi tutto il necessario e sto cercando di provvedere, per quanto mi è possibile, anche per i vicini che non hanno la possibilità di muoversi – ci racconta Pantaleone Carotenuto – Per cucinare non abbiamo il metano e se in questi giorni dovesse finire improvvisamente la bombola del gas sarebbe praticamente impossibile salire tutte quelle scale per portarne una nuova».

Dopo l’evento franoso del 2019, avvenuto a pochi centinaia di metri di distanza da quello che si è verificato solo pochi giorni fa, i cittadini di Via Casa Rossa hanno segnalato le criticità e i pericoli legati allo stesso ma purtroppo le segnalazioni sono rimaste inascoltate: «Noi residenti ci siamo fatti sentire ma non c’è stato nessuno che ci ha ascoltato, perchè siamo cinque famiglie ma penso che tutti abbiamo gli stessi diritti – chiosa Pantaleone – La strada che è crollata era in bilico già da tanto tempo. Qui siamo abbandonati a noi stessi speriamo che cambino le cose». Fortunatamente al momento nessuno degli abitanti della zona alta della Città della Musica ha avuto bisogno di assistenza, e ci auguriamo possa essere così anche per il futuro: «Stiamo bene – ci spiega nonna Maria – Purtroppo possiamo andare a passeggio solo vicino a casa perchè la strada è crollata. Speriamo che con l’arrivo del bel tempo finiscano presto i lavori». Mosca Maria Bonaventura è un’arzilla signora di 82 anni che fino a qualche settimana fa si recava al centro di Ravello, attraversando la stradina interpoderale e usufruendo del servizio navetta, per svolgere le mansioni più basilari come fare la spesa o pagare una bolletta.

La sua quotidianità, così come quella dei suoi vicini di casa, è stata stravolta dalla frana ma la nonnina non ha perso il sorriso e la speranza. Speranza che condivide anche Salvatore Di Palma, cittadino che da quasi quattro anni vive in Via Casa Rossa: «Io non voglio incolpare assolutamente nessuno, anche perchè un evento tragico come una frana non è prevedibile. Ci tengo, però, a dire che io a quella strada ci sono molto legato a livello sentimentale. Ho visto mio padre lavorare duramente, investire tempo e risorse economiche per realizzarla e oggi vederla distrutta mi provoca una morsa al cuore. Mi auguro che con lo stesso cuore chi debba svolgere i lavori lo faccia in maniera rapida e soprattutto definitiva. Vogliamo avere quella sicurezza che a tutti i cittadini deve essere garantita».

Gli interventi per ripristinare la strada, affidati all’Impresa Edile Ferrigno Michele S.a.s, sono iniziati nei giorni scorsi, e dovrebbero concludersi entro 90 giorni, con l’impegno di installare in 15 giorni uno stradello di servizio a monte della nicchia di frana per ripristinare l’accessibilità alle abitazioni.