Fontana del Carciofo a Napoli: Origine e Storia del Monumento

Foto Anna Cesario

La fontana del Carciofo è una delle fontane monumentali di Napoli, posta al centro dell’odierna piazza Trieste e Trento.

Un tempo la piazza era chia piazza San Ferdinando (dal nome della Chiesa seicentesca inglobata nel medesimo blocco della Galleria Umberto I, conosciuta anche come la “chiesa degli artisti”).

Fu poi cambiata in piazza Trieste e Trento dal 1919 per celebrare la vittoria italiana nella Prima Guerra Mondiale.

Nuovo record di ingressi al Mann di Napoli: ieri staccati più di 9 mila...

Giornata da record quella che ha vissuto ieri il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (Mann) che ha visto la presenza di ben 9.116 visitatori,...

È solitamente meta dei tifosi del Napoli in caso di vittoria.

Vediamo qualche curiosità e un po’ di storia di questa fontana.

Fontana del Carciofo a a Napoli: Storia e Curiosità

Fu il sindaco Achille Lauro a volere la costruzione della fontana nel periodo della sua giunta comunale, tra il 1952 e il 1957.

Nei progetti preliminari del Comune al centro della piazza doveva essere posta la fontana di Monteoliveto, proveniente dall’omonima piazza.

Tuttavia nel 1955 il Consiglio Superiore delle Belle Arti bocciò l’ipotesi.

Sostituì  così con la Fontana di Giunone di Bartolomeo Ammannati, e fu realizzata assemblando elementi scultorei provenienti da altri complessi presenti nel Giardino.

La risposta del sindaco Lauro allora fu l’installazione di una fontana da lui donata alla città, appunto la fontana del Carciofo, inaugurata la sera del 29 aprile 1956.

Lauro affidò l’incarico di progettazione della fontana agli ingegneri Carlo Comite, Mario Massari e Fedele Federico.

La Fontana rappresenta sia un tardo omaggio al Manierismo scultoreo fiorentino che un raro e suggestivo esempio locale di moderata adesione alla corrente barocca.

Fontana del Carciofo a Napoli: Descrizione

La fontana è composta da due livelli.

Alla base c’è una grande vasca con al centro un’altra piccola vasca sopraelevata che sorregge una scultura a forma di corolla floreale.

Sui tre lati del monumento trovano posto tre coppie di vasi decorati.

È dalla forma della corolla, somigliante ad un carciofo, che proviene il nomignolo popolare della fontana.

Nel corso del 2015 si è proceduto a profondi lavori di restauro e pulizia del monumento che è tornato così al suo aspetto originario.