Estorsione e porto abusivo di armi: maxi operazione dei Carabinieri tra Napoli e Salerno

Dalle prime ore di questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dal GIP del locale Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 21 soggetti, 13 dei quali sottoposti a custodia in carcere e gli altri collocati agli arresti domiciliari.

I 21 soggetti, tutti a vario titolo, sono indagati associazione di tipo mafioso, estorsione, detenzione e porto abusivo di armi comuni da sparo e da guerra, violenza privata e illecita concorrenza con minaccia o violenza (tutti aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose), commessi nel periodo compreso tra gli anni 2014 e 2019.

Il provvedimento cautelare si basa sui gravi indizi di colpevolezza acquisiti dal Comando Provinciale Carabinieri di Salerno, con la direzione ed il coordinamemto di questa D.D.A., nell’ambito di un procedimento penale avviato a partire dalla metà dell’anno 2017 in seguito a una serie di danneggiamenti ai danni di attività commerciali (bar, tabacchi, sale slot) e atti minatori posti in essere con modalità tipiche della criminalità camorristica.

I particolari dell’operazione, saranno resi noti in mattinata.