Estate 2020: l’Europa apre i confini ma l’Italia frena. Quarantena per chi arriva da Paesi extra Ue

Senza ombra di dubbio l’estate 2020 sarà ricordata tristemente per l’emergenza Covid-19 e per le tantissimi limitazioni che la pandemia ha imposto.

Se l’Europa si dice pronta ad aprire i confini ai turisti provenienti dai Paesi extra Ue, l’Italia frena e prende tempo.

I paesi che l’Europa ha inserito nella lista verde sono Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia e Uruguay. A questi si aggiunge la Cina, inserita in fondo alla lista con un asterisco: Pechino entrerà a pieno titolo nell’elenco Ue solo se garantirà la reciprocità all’Europa.

Chi è Lorenzo Amoruso Temptation Island Vip: età e carriera fidanzato Manila

Lorenzo Amoruso è uno degli assoluti protagonisti di questa edizione di Temptation Island il programma di successo di Canale 5.Insieme alla fidanzata Manila Lazzaro ha voluto...

Questo, almeno per il momento, non vale per l’Italia. Il nostro paese, nonostante si sia detto favorevole alla riapertura, è orientato a tenere le sue frontiere esterne chiuse a tutti quanti. Resta il pericolo che cittadini di queste 15 nazioni entrino in un altro Paese europeo e poi arrivino in Italia grazie alla libera circolazione intra-Ue.

Una situazione paradossale. Perchè se da una parte si decidesse di non far entrare le persone provenienti dai paesi oltre l’Unione Europea, si limiterebbe il flusso turistico in Italia.

Ovviamente la priorità deve essere quella sanitaria, cercando di evitare pericoli con persone che potrebbero provenire da zone ad alto contagio. Dall’altro lato, però, se gli altri paesi dell’Ue decidessero di aprire le frontiere questi potrebbero ovviamente arrivare in Italia, creando di fatto una clamorosa contraddizione.

Staremo quindi a vedere cosa accadrà nelle prossime settimane e quale strada si deciderà di percorrere per la riapertura dei confini.