Eruzione Stromboli: la testimonianza dell’amalfitano Giovanni Nolli

Ha tenuto tutta l’Italia con il fiato sospeso per qualche ora l’eruzione del Vulcano Stromboli, in Sicilia, ieri pomeriggio.

Le prime informazioni riportate dalla stampa e dai media parlavano di una violenta eruzione che ha spaventato non poco i turisti che, per sfuggire alla caduta di pietre e lapilli si sarebbero addirittura gettati in mare e riversati al porto per allontanarsi dall’isola.

Foto Giacomo Greco

In effetti, come riporta l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Osservatorio Etneo, a partire dalle 14.46 i è verificata un parossisma che ha interessato l’area centro- meridionale della terrazza craterica dello Stromboli. In particolare, sono stati distinti due eventi esplosivi principali rispettivamente alle 14:46:10 e alle 14:46:40 UTC. La sequenza è stata preceduta alle 14:44: UTC da trabocchi lavici da tutte le bocche attive della terrazza craterica. Alle ore 17:16 (15:16 UTC) è stata registrata una esplosione di forte intensità, quella che ha spaventato i turisti.

Ecco le canzoni inserite nel CD dell’Università di Yale come sottofondo per fare l’amore

I ricercatore dell'Università di Yale hanno realizzato un CD con le canzoni ideali come sottofondo musicale per fare l'amore.Di seguito la lista completa dei...

Il personale INGV in campo ha osservato una colonna eruttiva che si è innalzata per almeno 2 km di altezza al di sopra della area sommitale disperdendosi in direzione sud-ovest mentre i prodotti generati dal parossisma sono ricaduti lungo i fianchi del vulcano. Dopo la fase parossistica il segnale del tremore è poi diminuito notevolmente.

A Stromboli si è verificato dunque quello che viene chiamata esplosione parossistica, eventi che avvengono raramente: l’ultimo è infatti avvenuto nel 2007 ed ancora prima nel 2003. Sono degli eventi, spiegano dall’INGV, totalmente imprevedibili e di alta energia. Non c’è nessun rischio di maremoto perché l’esplosione è avvenuta nella zona alta del vulcano.

Fot odal web

A raccontare ad Amalfi Notizie quello che è successo ieri è Stromboli è stato Giovanni Nolli che da anni, insieme alla moglie Annamaria Ferrara, gestice l’hotel Ossidiana.

«Ieri sull’isola non c’è stato nessun allarme e nessun piano d’evacuazione – ci ha riferito Annamaria Ferrara -. I turisti si sono spaventati per l’improvviso boato, simile al suono di un cannone, e per un incendio a metà montagna causato dalla lava ma non ci sono stati casi particolari di allarmismo. Dispiace per l’uomo che ha perso la vita che si trovava sul vulcano ma la situazione è rientrata quasi subito tanto è vero che poi alla sera tantissimi turisti si sono recati in mare alla Sciara del fuoco per assistere allo spettacolo della lava che finiva in mare».

«Quello di ieri è stato un evento che si ripete ogni 4 – 5 anni – ci ha invece riferito Giovanni Nolli -. Sono delle vere e proprie anomalie nel sistema del vulcano che si ripetoni ciclicamente. Ieri si è aperta una nuova bocca sullo Stromboli nella parte alta del vulcano, intorno ai 950 metri sul livello del mare, per cui non ci sono state conseguenze per i paesi che invecesi trovano alle pendici dello Stromboli. Si sono creati allarmismi inutili come nel 2002 quando un’onda anomala colpì l’isola a seguito di una eruzione ma, a differenza di quella volta, l’eruzione è avvenuta in cima e quindi no, non c’è stato nemmeno alcun rischio tsunami».

Oggi le condizioni sono di normalità. “Non c’è nessuna fuga dall’isola per paura di morire – spiega il sindaco di Lipari – Si sono allontanati solo i turisti, ospitati a Lipari nelle attività ricettive che si sono messe a disposizione del Comune, e sono già in rientro. I residenti sono rimasti qua. Non c’è nessuna fuga dall’isola, lo ribadisco”.