Enzo, il golden retriever di Attraverso i miei occhi esiste veramente? La verità sul cane

Questa sera, martedì 25 gennaio 2022, ci sarà un appuntamento davvero imperdibile in prima serata su Canale 5. Andrà in onda il bellissimo film Attraverso i miei occhi.

La storia è ispirato ad un romanzo e vede protagonisti il cane Enzo e il suo amico a due zampe Danny, un pilota.

Il golden retriever Enzo di Attraverso i miei occhi esiste davvero?

Attraverso i miei occhi è la storia raccontata proprio dal punto di vista di Enzo, un meraviglioso golden retriever.

Enzo viene scelto dal suo umano Danny quando ancora era un cucciolo e con lui vive tante avventure in macchina e in famiglia. Il bellissimo Enzo cerca sempre di stare il più vicino possibile al suo amico e padrone sostenendolo in ogni momento, dimostrando tutto il suo amore e il suo affetto sia nei momenti di gioia che nei momenti più difficili che purtroppo non mancheranno nella vita del pilota di macchine.

Leggi anche: Chi è nella realtà Denny Swift, il protagonista di Attraverso i miei occhi: storia vera

Dall’innamoramento con Eva, alla nascita di Zoe, il golden retriever sarà accanto al suo padrone in maniera costante. Una storia di feeling che davvero farà emozionare tutti, soprattutto chi ha un cane o chi ne ha avuto uno in passato e conoscere perfettamente il rapporto che si viene a creare con gli amici a quattro zampe.

Leggi anche: E’ esistito davvero Enzo: il cane di attraverso i miei occhi?

Ma c’è una curiosità per tutti i fan di Attraverso i miei occhi. Enzo esiste davvero? Certo che sì perché il bellissimo golden retriever protagonista della pellicola è vero e non è stato creato al computer.

Leggi anche: Chi è nella realtà Eve Swift, protagonista di attraverso i miei occhi: storia vera

Purtroppo non si hanno molte informazioni ad oggi sul cane e non si conoscono i suoi anni o il suo vero nome. Quel che pare però certo è che sono stati utilizzati diversi cani di razza golden retriever per le riprese del film, dal cucciolo, al cane adolescente fino all’Enzo un po’ più adulto.