Eccidio Sant’Anna di Stazzema il 12 agosto del 1944: ecco cosa accadde

Era il 12 agosto del 1944 quando le SS con l’aiuto dei fascisti versiliesi, compirono una delle stragi più tristi ricordato da tutti con il nome dell’Eccidio di Sant’Anna di Stazzema.

Furono uccise 560 persone, molte delle quali donne e bambini. La furia omicida dei fascisti si abbatté sulla popolazione.

Dai documenti tedeschi peraltro non è facile ricostruire con precisione gli eventi: in data 12 agosto 1944, il comando della 14ª Armata tedesca comunicò l’effettuazione con pieno successo di una “operazione contro le bande” da parte di reparti della 16. SS-Panzergrenadier-Division Reichsführer SS nella “zona 183”, dove si trova il territorio del comune di S. Anna di Stazzema; l’ufficio informazioni del comando tedesco affermò che nell’operazione 270 “banditi” erano stati uccisi, 68 presi prigionieri e 208 “uomini sospetti” assegnati al lavoro coatto.

Chi è Lucia Bramieri: età, fidanzato, vita privata, carriera e curiosità

E' uno dei personaggi televisivi più controversi e amati. Spesso ospite dei programmi di Canale 5, si è messa in luce per il suo carattere...

Una successiva comunicazione dello stesso ufficio in data 13 agosto precisò che “altri 353 civili sospettati di connivenza con le bande” erano stati catturati, di cui 209 trasferiti nel campo di raccolta di Lucca

La strage di Sant’Anna di Stazzema desta ancora oggi un senso di sgomento e di profonda desolazione civile e morale, poiché rappresenta una delle pagine più brutali della barbarie nazifascista, il cancro che aveva colpito l’Europa e che devastò i valori della democrazia e della tolleranza.

Rappresentò un oltraggio compiuto ai danni della dignità umana. Quel giorno l’uomo decise di negare se stesso, di rinunciare alla difesa ed al rispetto della persona e dei diritti in essa radicati.

Ogni anno, in questa giornata, vengono ricordate quelle povere e indifese vittime.