De Luca:”Sarebbe indispensabile l’intervento delle forze. Sollecitiamo i controlli”

Vincenzo De Luca, come ogni venerdì, sulla situazione legata all’emergenza Covid-19 in Campania.

«Sollecitiamo i controlli con la massima tranquillità. C’è stato in questi giorni un tentativo di equiparare alcune gravi questioni che hanno riguardato le Regioni del Nord con la Campania, un tentativo fallito, tranne qualche testata del nord la cosa ha fatto la fine che meritava. La Campania – ha aggiunto – esprime il massimo rispetto per ogni iniziativa di controllo di legalità e legittimità degli atti. Abbiamo dato prova di efficienza, concretezza e coraggio amministrativo, cosa che non è stata digerita da tutti. Molti si aspettano che Napoli sia ancora la camorra o il caos. Abbiamo ovviamente agito – ha detto De Luca – in maniera accelerata ma con una procedura ordinaria. Si facciano quindi tutti i controlli di legalità ma troveranno modelli di correttezza e trasparenza. Non ci distraiamo e continuiamo a pensare all’attività per la salute dei cittadini».

«Sarebbe indispensabile l’intervento delle forze dell’ordine sui mezzi di trasporto pubblico. Mi dicono che a bordo dei traghetti arrivano piccole bande di delinquenti che, se chiamate a rispettare la correttezza dei regolamenti covid, hanno atteggiamenti aggressivi». «Noi abbiamo fatto – ha spiegato De Luca – un’ordinanza per l’obbligo delle mascherine perché abbiamo registrato delle situazioni critiche su mezzi pubblici di trasporto e sui traghetti e abbiamo introdotto la multa di mille euro. Nel campo dei trasporti c’è ancora qualche problema per le misure non chiare da parte del Governo, ci adegueremo alle misure che attendiamo da comitato tecnico scientifico. Ma ricordo che serve l’uso rigoroso della mascherina e servirebbero le forze dell’ordine per evitare che atti di aggressività diventino prevalenti». Sulla lotta al covid19 in Campania, De Luca ha spiegato che «ora lavoriamo per individuare subito ogni piccolo focolaio e spegnerlo. Oggi la sfida è tutta qui, nei tempi immediati di individuazione dei focolai. Saremo impegnati in questo lavoro snervante, perché dobbiamo convivere con il covid per mesi fino a che non avremo il vaccino. Nei mesi scorsi abbiamo retto bene anche dopo l’apertura di tutte le attività decisa dal governo a giugno. Siamo stati la vera sorpresa, si aspettavano disastri ed ecatombi dalla Campania. Ora serve massima attenzione».